Ancora multe. Il comune di Pescara non si arresta e continua a fare cassa.

Il sindaco Alessandrini ordina la pulizia straordinaria di via Mazzarino e la trasforma in un’occasione ghiotta per battere cassa su commercianti e residenti, proprio nella settimana di Natale: oltre una decina le vetture rimosse con i carroattrezzi stamane per permettere la bonifica della strada ai mezzi della Attiva, tra lo sconcerto e la rabbia di chi da due anni e mezzo vive nel degrado e che si è visto penalizzato proprio nell’unica settimana dell’anno in cui è possibile incassare un euro in più. Impossibile oggi, infatti, per l’intera mattinata, parcheggiare o lasciare l’auto in sosta anche solo per un minuto, sotto il taccuino-che-non-perdona degli agenti della Polizia municipale, e chi l’ha fatto si è visto passare l’auto dinanzi agli occhi esterrefatti. Davvero un bel regalo di Natale che porta la firma del sindaco Alessandrini e della sua giunta incapaci finanche di programmare un intervento elementare di manutenzione ordinaria della città”. A denunciarlo è stato l’avvocato Berardino Fiorilli, promotore dell’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ interpellato dai commercianti di via Mazzarino.
“Oggi il sindaco Alessandrini ha inanellato l’ennesima perla della sua inutile amministrazione comunale – ha commentato l’avvocato Fiorilli – trasformando un intervento tanto atteso in un momento da sfruttare per risanare, evidentemente, le casse comunali. Nel mirino è finita una delle strade-cenerentola di Pescara, via Mazzarino, dove nel 2013 avevamo iniziato un progetto di riqualificazione bello e importante, rimasto a metà per il cambio della governance post-elettorale. Nella strada, ignorata per almeno trent’anni, avevamo portato una pavimentazione nuova, un disegno geometrico e un assetto diversi, tali da trasformare un asse di scorrimento in una ‘piazza’ longitudinale, utile anche per organizzarvi eventi, con panchine a illuminazione solare e soluzioni innovative sul risparmio energetico. Opera rimasta a metà per ordine del sindaco Alessandrini il quale, una volta eletto, non ha ritenuto quella strada degna di un intervento di riqualificazione e ha letteralmente fermato il cantiere impedendone il completamento, anzi ignorando anche la manutenzione di quanto già realizzato e oggi degradato. La conferma di tale atteggiamento arriva anche dalle festività natalizie attuali, quando ha speso oltre 100mila euro per illuminare solo alcune vie del centro-vip, lasciando al buio totale tutta Porta Nuova, compresa via Mazzarino. Come se non bastasse oggi la batosta finale: stamane i commercianti, alzate le vetrine, si sono accorti di piantane mobili indicanti divieti di sosta e di fermata, evidentemente sistemate all’alba o nottetempo. Quei divieti, istituiti contemporaneamente su entrambi i lati di via Mazzarino, servivano perché il sindaco Alessandrini, sempre nottetempo, ha ordinato il lavaggio e la disinfezione straordinaria della stessa strada, dopo due anni e mezzo di inerzia totale. Peccato che sulla strada erano parcheggiate le auto dei residenti, ancora in casa, e che ieri sera non hanno avuto modo di conoscere il provvedimento, e la Polizia municipale stamattina, poco dopo l’alba, ha pensato bene di far semplicemente rimuovere tutti i mezzi parcheggiati, oltre una decina, comminando comunque sanzioni ai poveri malcapitati che invece, risvegliati dal trambusto sotto le finestre, hanno almeno fatto in tempo a spostare l’auto, evitandosi solo la rimozione. Ma non è finita, perché dopo i residenti è toccata ai commercianti che per l’intera mattinata sono rimasti a braccia conserte, senza poter incassare un solo euro – ha proseguito l’avvocato Fiorilli -. Nessun cliente, infatti, è riuscito a fermarsi, anche solo per un secondo, per entrare nella salumeria, o nella tabaccheria, o nella gioielleria, o nella cartoleria o anche nel laboratorio analisi magari per ritirare un referto. E penalizzare le attività commerciali proprio nella settimana di Natale, l’unica in cui i cittadini possono spendere qualcosa in più per un pensierino ai propri cari, significa voler ammazzare il commercio, specie a Porta Nuova dove il settore soffre sempre di più che in centro. Tanti gli esercenti che stamane hanno telefonato alla segreteria del sindaco Alessandrini per protestare, altri si sono rivolti alla bacheca facebook dell’assessore al Commercio Cuzzi, irraggiungibile al telefono, ma ormai la mazzata di Natale è stata bella che servita. L’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ – ha aggiunto l’avvocato Fiorilli – chiede ora al sindaco Alessandrini di annullare, in autotutela, le multe comminate oggi, comprese quelle inerenti delle rimozioni ingiustificate e immotivate, perché alla Polizia municipale sarebbe stato sufficiente collegarsi con la banca dati dell’Aci per rintracciare i proprietari dei mezzi prelevati e consentire loro di spostare l’auto in una strada adiacente, evitando disagi e spese vergognose. Nel frattempo sempre al sindaco Alessandrini consigliamo di iscriversi a un corso per principianti in ‘Organizzazione e management amministrativo’.

 

William Grandonico.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *