Ufficialmente Presidente Trump: inizia una nuova era – di Vanessa Combattelli

Donald J Trump, l’uomo che a novembre ha ottenuto il consenso dagli americani, il repubblicano, criticato dagli ambienti radical chic di sinistra, oggi ha raggiunto la poltrona più importante d’occidente: è ufficialmente Presidente degli Stati Uniti.
«Oggi il potere torna ai cittadini» ha esordito proprio così il nuovo inquilino della Casa Bianca, dichiarandosi nemico dell’establishment, la bandiera invece della signora Clinton, fattore che ha condotto alla vittoria l’uomo.
Ha tenuto a ricordare l’importanza di questo giorno, infatti secondo Trump rappresenta un passaggio di potere: da Washington torna ai cittadini americani: «Per troppo tempo c’è stato distacco tra Washington e il popolo, l’establishment si è limitato a proteggere se stesso. Le loro vittorie non sono state le vostre vittorie. C’era poco da celebrare per le famiglie che stavano lottando nel Paese» ha affermato, chiara allusione a quella che è stata la politica Obama, tanto acclamata dai social media, disastrosa nell’ambito estero e sociale.
Non è mancato il riferimento alla difficile crisi vissuta dai cittadini, perdita dei posti di lavoro e creazione di nuovi poveri, ha però garantito con risolutezza:«Questi problemi si fermano qui».
Tra i presenti c’erano gli ex presidenti tra cui Carter, Clinton e Bush jr, per non dimenticare la presenza di Hillary Clinton che, nel suo sguardo abituato da anni a simulare, ha sorriso a chi la circondava senza però riuscire a nascondere l’astio provato, dettaglio percepito dagli occhi di tutti.
Trump ha ringraziato anche gli Obama per la collaborazione dopo la sua elezione, garantendo però che «D’ora in avanti verrà solo l’America per prima. Combatterò per voi con ogni respiro del mio corpo e non vi lascerò mai e poi mai indietro»
Ha infine ricordato la lotta contro il terrorismo che minaccia la nostra cultura occidentale: «Combatteremo il terrorismo e cancelleremo il radicalismo islamico dalla faccia della Terra»
E con questo discorso, molto probabilmente, The D non avrà ancora ottenuto il consenso da certi ambienti, ma ha di sicuro un alleato più vero ed importante: il popolo.

 

Vanessa Combattelli

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *