Domani la Turchia al voto: quello che c’è da sapere

55 milioni di cittadini domani dovranno prendere un’importante decisione: Evet o Hayir?
Alla Turchia la scelta: proposta di riforma costituzionale intenzionata a trasformare il paese in una repubblica presidenziale.
Ma non è semplice questo quesito, perlomeno è il dubbio la caratteristica più diffusa: Iknur Karahan, una ragazza turca di 23 anni, risponde incerta alle domande di un giornalista, in un primo momento afferma di votare “no”, successivamente ci ripensa e dice che voterà “si”, la paura è di cedere il potere nelle mani di una sola persona, l’auspicio è di alleggerire la burocrazia.
Iknur è un esempio di tanti che, come lei, navigano nell’indecisione di una scelta non facile.
Basta un sì? II sostenitori affermano che la riforma renderà il paese più stabile, i contrari temono una deriva autoritaria, quod erat demonstrandum…
Se la riforma passa verranno modificati 18 articoli, Erdogan di conseguenza assumerà i compiti del primo ministro, nominerà il governo, gli alti comandi militari, i rettori delle università, il capo dei servizi segreti, alcuni alti funzionari e magistrati.
Sebbene il presidente si fosse prodigato pur di ottenere popolarità e consenso da parte dei cittadini, il 20% di loro si ritiene ancora indeciso.

Vanessa Combattelli

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *