Ferragosto, coltiviamo la tradizione

Di William Grandonico

Il 15 di Agosto, la famosa festa che tutti noi chiamiamo appunto Ferragosto, ha una sua storia, che addirittura nasce dai tempi dell’antica Roma.

Il giorno di Ferragosto ha un’origine antichissima. Nella Roma imperiale veniva denominata Feriae Augusti, che appunto oggi, celebriamo il 15 del mese di Agosto. Come da antica tradizione, il giorno di Ferragosto è dedicato alla gita fuori porta, scampagnate, pranzi al sacco e felici e rigorose grigliate. Molto diffusi sono i campeggi in tenda, in luoghi di montagna e sulle spiagge del sud Italia. Già da centinaia di anni, lo spostamento di questa famosa ricorrenza si deve alla Chiesa Cattolica, che per far coincidere la ricorrenza laica dell’antico 1° di Agosto, chiese di spostare la festa estiva al 15 del mese e farla coincidere con la festa religiosa dell’Assunzione di Maria.

La tradizione popolare della famosa gita fuori porta di questo importante giorno, acquisisce popolarità e ammirazione, durante il ventennio fascista in Italia. Durante il regime fascista, Mussolini volle fortemente questa festa. In collaborazione con le associazioni dopolavoristiche, venivano organizzate centinaia di gite, grazie anche all’istituzione dei famosi “Treni popolari di Ferragosto”, i cui prezzi venivano fortemente scontati. Questa importante iniziativa del Duce, dava la possibilità a numerosi italiani, benestanti e non, di raggiungere località marine o montane ed era esclusiva per i giorni 13/14/15 Agosto. La bella e particolare iniziativa, dava la possibilità a numerosi italiani di vedere, addirittura per alcuni di essi, il mare per la prima volta.

Il regime fascista, seguendo le orme della vecchia Roma, era orgoglioso di organizzare questa festa. Oggi siamo orgogliosi Noi, di rivendicare le radici di questa storica e importante tradizione italiana.

L’economia italiana vede una grossa ripresa nel settore alberghiero e turistico. In Abruzzo e in Liguria sono stati registrati numeri impressionanti sulle spiagge e sugli affitti di ombrelloni per il giorno di Ferragosto. In Campania sold out per le strutture alberghiere, come anche in Sardegna. Anche la Puglia, in particolare Gallipoli, registra un boom sulle spiagge e nella città per il periodo di Agosto. Insomma il settore turistico è in lenta, ma continua crescita. Gli italiani, tutto sommato, non dicono NO alle vacanze estive e alla settima di Ferragosto.

Apc (Associazione produttori caravan e camper), stima che quest’anno, solo per Ferragosto, saranno circa 350.000 italiani sceglieranno questa tipologia di vacanze e circa 150.000 stranieri approderanno sul nostro territorio, utilizzando camper e caravan. Questo comparto industriale, solo in Italia genera ogni anno un fatturato di oltre 750 milioni di euro e che nel semestre 2017 ha fatto registrare un +12,4% sul nuovo e +4,1% sull’acquisto dell’usato, ma solo nel primo trimestre. Ogni anno sono più di 8 milioni i camperisti che in Italia percorrono le nostre strade, generando un fatturato superiore ai 2.8 miliardi di euro. (fonte APC, per Sole 24 Ore)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *