AfD: le ragioni del successo.

AfD, un’importante successo elettorale.

 

Alice Wiedel, la bionda leader del partito Alternative fur Deutschland, ha portato il suo movimento
a diventare la terza formazione politica alle elezioni tedesche ottenendo il considerevole risultato di
13,1% ed 87 seggi al Bundestag. Ma qual’è il programma politico di questo partito?
AfD si pone come obiettivi il reinserimento della leva militare, contratti a tempo della durata
massima di 6 mesi e rinnovabili una sola volta, rendere l’istruzione di competenza federale,
impedire l’insegnamento dell’Islam nelle scuole, divieto assoluto di abortire e incentivi alla natalità.
Questo per quanto riguarda le politiche sociali. Per quanto riguarda il tema della sicurezza la
formazione della Wiedel si proponeva il divieto di edificare minareti sul suolo tedesco (divieto già
presente in Svizzera), vietare la liberalizzazione della cannabis, destinare maggiori fondi alla
polizia, operare maggiori controlli alle frontiere, maggiori respingimenti ed espulsione dei
clandestini oltre al divieto d’asilo europeo. In rapporto alla UE ed alla politica interna l’AfD si pone
come obiettivi un referendum per uscire dall’UE, l’uscita dall’Euro, l’elezione diretta del presidente,
un limite di mandato al cancelliere ed ai parlamentari.
Sul fronte della politica estera la Wiedel proponeva agli elettori di rendere la NATO una forza eminentemente difensiva, l’espulsione dalla
stessa della Turchia, togliere le sanzioni alla Russia, aumentare le spese militari ed ideare dei
sistemi strategici autonomi. Come programma economico (segnalo che la leader di AfD ha lavorato
per la famigerata banca d’affari Goldman Sachs ad alti livelli) il partito della destra radicale poneva
un secco no ai trattai internazionali CETA e TTIP, un tetto alle tasse in Costituzione, un taglio alle
tasse per il ceto medio-basso e l’abolizione di tasse come il corrispettivo dell’italiana IMU ed alla
tassa di successione.

Cosa può aver portato il 13,1% dei tedeschi a votare questa formazione politica relativamente
recente piuttosto che lo storico movimento di ultradestra NPD? Credo che alcuni motivi siano la
novità rappresentata da AfD e l’aspetto più “istituzionale” e rassicurante dei suoi quadri dirigenti.
Non da ultimo bisogna considerare che questo movimento politico rappresenta una specie di
“mosca bianca” all’interno del panorama dell’ultradestra per due sostanziali motivi: sono pro-Israele
e la loro nuova guida Alice Wiedel è omosessuale dichiarata e con due figli. Nonostante ciò la stessa
si è duramente espressa contro la teoria del gender ed il suo insegnamento sin dalla più tenera età.
Saprà questo movimento mettere i bastoni tra le ruote al quarto governo Merkel? Ai posteri l’ardua
sentenza.

Francesco Dodi

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *