AfD: premiati dai tedeschi (anche se arrivati terzi)

di Antonio De Vita.

Che la Germania avesse da sempre avuto un pessimo rapporto col proprio passato è noto e risaputo. Vi ricorderete forse di quando qualche settimana fa dei turisti cinesi, in visita nella Terra del Popolo, si erano scattati delle foto mentre imitavano il saluto nazista vestiti da SS. Che la cosa fosse ironica mi è sembrato subito abbastanza ovvia, ma la polizia tedesca ha comunque detenuto per alcune ore i turisti, costringendoli a pagare una cauzione di 500 euro a persona per lasciarli liberi.

La polizia ha quindi eseguito gli ordini brutali e nostalgici di qualche assessore cittadino senza alcun compito urgente, non credo che alcuna città tedesca abbia così pochi problemi da potersi occupare delle stupide risate di qualche turista vagabondo. Sta di fatto che le nostalgie “resistenzialistiche” (lecite per carità, ma fino ad un’ottantina di anni fa, ora non più) del partito di Schulz non hanno impedito al popolo germanico di trovare un’alternativa efficace al CDU/CSU della Merkel e allo SPD di Schulz. Ossia Alternative fur Deutschland, guidato da Jorg Meuthen. Il partito è etichettato dai principali media e giornali come xenofobo, neonazista, neofascista e razzista. Sta di fatto che ha ottenuto 94 seggi.

I risultati anche se ancora provvisori hanno rinominato cancelliera Angela Merkel con una percentuale del 34%, Schulz è arrivato secondo con il 21% e al terzo posto Meuthen con il 14%. La partita è stata vinta dai nostri alleati idealistici, AfD ha da sempre l’appoggio di Lega, Fratelli d’Italia e CasaPound Itala. I leader di Forza Nuova hanno espresso soddisfazione anche se inizialmente avevano appoggiato un altro partito. Mentre Berlusconi e Fitto tacciono, i centristi di Alfano e Casini si indignano con PD e Sinistra Italiana. Per ora è una terza grande vittoria dei sovranisti Europei, dopo Wilders e Le Pen. Speriamo che anche noi Italiani potremmo esultare al fianco dei Francesi, dei Tedeschi e dei Neerlandesi. Piano piano il popolo europeo sta destandosi da questa notte infinita di impedimento forzato dell’ideologia, che nostalgici di sinistra e finti centristi ci hanno imposto.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *