Brasile. Arrestato Cesare Battisti ex PAC

Di William Grandonico, arrestato Cesare Battisti ex terrorista comunista. Tentava di fuggire in Bolivia.

Cesare Battisti, ex terrorista comunista, appartenente ai PAC (Proletari Armati per il Comunismo), tentava di fuggire in Bolivia.

Battisti, dopo la sua fuga è stato fermato al confine tra Bolivia e Brasile, fermato da un normale blitz dalle autorità brasiliane. Le autorità sarebbero convinte che Battisti cercasse di fuggire in Bolivia. Il terrorista italiano, condannato a scontare l’ergastolo in Italia, si è trasferito con lo status di rifugiato politico in Brasile, concesso nel 2004 dall’ex Presidente della Repubblica Luiz Inacio Lula da Silva. Evaso dal carcere nel 1981, ha vissuto una vita da clandestino tra Francia (Parigi) e Messico. Arrestato un paio di volte dalle autorità francesi e poi brasiliane, Cesare Battisti non è stato mai estradato.

Matteo Renzi, dal suo profilo twitter, dopo l’ennesimo arresto per il Battisti, alza la voce e chiede finalmente l’estradizione del terrorista comunista. “#Battisti stava fuggendo in Bolivia. L’hanno preso. Adesso le autorità brasiliane lo restituiscano all’Italia, subito. Chiediamo #giustizia”. Così Matteo Renzi su twitter.

Anche Giorgia Meloni non si fa attendere, e dalla sua pagina Facebook scrive: “Il terrorista comunista Cesare Battisti condannato per quattro omicidi commessi in Italia, è stato arrestato in Brasile mentre tentava di fuggire. Aspettiamo le dichiarazioni di solidarietà da parte dei soliti radical chic che lo hanno sempre difeso e spalleggiato. Ora l’Italia pretenda la sua immediata estradizione e gli faccia scontare la sua pena fino all’ultimo giorno.”

L’opinione pubblica italiana è stanca. Gli italiani attendono che finalmente anche il governo brasiliano si adoperi per dare la possibilità al terrorista di scontare la pena in Italia. Mi auguro che anche le autorità brasiliane siano stanche di questo uomo e che riconsegnino allo stato italiano e alla giustizia italiana questo assassino. Non esistono più giustificazioni per chi ha seminato terrore nella nostra patria, in nome di un’ideologia fallita.

 

Fonte: Ansa.it
Foto: Ansa.it

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *