Nello Musumeci è Presidente della regione Sicilia.

Di William Grandonico
Nello Musumeci al timone. Il Centrodestra conquista la Sicilia.

Al termine dello spoglio di tutte le 5300 sezioni (con non poco ritardo), i dati, confermano che il candidato del centrodestra, il sessantaduenne Nello Musumeci, è il nuovo presidente della regione Sicilia, con il 39,9% dei voti. Seguono, Cancelleri del Movimento 5 Stelle con il 34,6% dei voti, Fabrizio Micari con il 18,6% (centrosinistra), Claudio Fava 6,1% (sinistra). Segue con lo 0,7%, fanalino di coda, Roberto La Rosa (Indipendentisti).

Questi i dati dei voti al termine dello scrutinio. Voti che vengono confermati dall’ufficio elettorale della regione Sicilia.

Una grande gioia per il centrodestra italiano. Dopo aver mobilitato i principali protagonisti dei partiti della coalizione, il centrodestra ha risposto alle esigenze di una regione al collasso. La Sicilia, una terra che vive una condizione di vita malsana. Una terra, quella siciliana, che deve fare i conti ogni giorno con farabutti e criminalità organizzata che non lascia scampo a quei poveri cittadini che vorrebbero vivere la loro vita senza problemi. Vorrebbero svegliarsi con la giusta serenità, quella che a causa di qualcuno, un cittadino siciliano, in questi anni non è riuscito ad assaporare. Il Governo Crocetta, in un solo mandato è riuscito nell’impresa di aumentare, più del 41% i debiti della regione. Ovvero, un debito procapite, solo per ripagare i debiti della regione Sicilia, che superava, nel Gennaio 2016, i 1500 euro.

Vogliamo analizzare i dati sulla disoccupazione ? Crocetta, tra il 2012 e il 2016, è riuscito anche nell’intento di aumentare quasi del 4% la disoccupazione, portandola dal 18,4 al 22,1%. Chiaro, la colpa non è imputabile solo al Presidente uscente, ma si sa, se si è al governo e le spese fatte, in allegato agli investimenti (assurdo continuare a richiedere prestiti che gonfiano il debito della regione), risultano inefficienti e non rispondono alla domanda lavorativa dei cittadini siciliani, ci si ritrova a fine mandato, senza poltrona e scacciato via in malo modo.

Questo è quanto accaduto in Sicilia. Con la vittoria di Nello Musumeci, ex MSI e La Destra (vecchio partito di Francesco Storace), si apre una nuova pagina politica per la storia della regione Sicilia. Un uomo tutto d’un pezzo, capace e chiaramente lucido. Con quasi il 40% dei voti, Musumeci riesce a strappare le chiavi del Palazzo dei Normanni, dalle mani dell’incompetenza della sinistra e riesce ad evitare di consegnarle a chi, di politica non ne capisce nulla. Parafrasando le parole del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, abbiamo evitato di far governare, chi fino ad ora, non ha amministrato nemmeno un condominio.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *