Immigrazione e valori identitari

di Marco Di Lecce.

In questo periodo di forte immigrazione in Europa, è molto importante il tema dell’IDENTITÀ CULTURALE.

L’Europa si fonda su vari fulcri socio-culturali: il cristianesimo, l’ebraismo e il risorgimento sono solo alcuni, tanti quanto poco studiati.

La maggior parte dei migranti invece non appartiene a questa essenza culturale, e ciò si vede, nella realtà concreta, ad esempio nel modo in cui trattano mogli e figlie (mi riferisco a casi di cronaca purtroppo recenti).

Il tentativo della sinistra di ignorare l’identità culturale fallisce NEI FATTI. Infatti il multiculturalismo crea delle “zone d’ombra” nella società, in cui le leggi e i diritti individuali vengono sistematicamente violati dal diverso stile di vita di molti migranti, che spesso rifiutano di integrarsi.

A mio giudizio occorre stabilire due punti fissi: il riconoscimento che il Vecchio Continente abbia una identità troppo importante per essere cancellata e l’imposizione che chi arriva in Europa debba accettare di rispettare gli usi e le leggi del paese ospitante (pena il rimpatrio).

L’auspicio è che i migranti possano capire che i diritti che abbiamo noi in Europa nei loro paesi d’origine sono INIMMAGINABILI.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *