Il cuore a destra: tra coraggio e resilienza

di Chiara Soldani.

La bandiera pseudo nazista nella caserma Baldissera, il gommone che sovverte il cristianesimo, facendosi mangiatoia. Salvini che, prima, diventa Hitler col rasoio in una pubblicità fake, per poi cadere ostaggio delle BR, nello squallido post di “Vento ribelle”. Basterebbero questi quattro esempi di puro delirio, per tessere le lodi di una #Destra resiliente: ebbene sì, resilienti lo siamo.

In tempi di “razzismo fobia”, la discriminazione apparente colpisce il pigmento della pelle. Quella effettiva, più subdola e crudele, è politica ed ideologica. Stampa e mondo social, del resto, ne sono la prova. Così, i finti carnefici diventano le vittime reali di tritacarne mediatici. Come nel celebre video dei Pink Floyd, “Another brick in the wall”, dove uomini in fila indiana, si riducono in poltiglia umana. Ed è questo ciò che vogliono: distruggere i nostri ideali, zittire le nostre ragioni.

La resilienza, in psicologia e nelle scienze sociali, è la capacità di reagire positivamente alle avversità della vita. Come navigare contro-vento (ribelle): più faticoso, sì, ma più formativo. Avere il cuore a Destra è un viaggio, una sfida quotidiana. Contro il buonismo che di-rompe, l’ottusità della massa, la mercificazione di valori e ideali. “Ricorda di osare sempre”, direbbe D’Annunzio. Ed è quello che facciamo, con la voce e nelle parole. Il cuore a Destra, è una scelta di coraggio: e noi, coraggiosi, lo siamo per davvero.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *