Il futuro dei Windsor

di Oswald Langobard.

Certo, è dai tempi delle vicende della ormai leggendaria Principessa Diana che è innegabile come la monarchia inglese non sia più integerrima come una volta. I numerosi scandali che hanno circondato i Windsor negli anni recenti hanno messo a dura prova tutte le energie dell’anziana regina Elisabetta II, che pure ne ha viste di tutti i colori nell’arco della sua vita; indubbiamente, è la monarca inglese che ha testimoniato il più rapido ridimensionamento del proprio regno in quanto a rilevanza sullo scacchiere mondiale: dall’Impero degli anni ’50 alla odierna “Little Britain”, Piccola Bretagna, come scherzosamente si intitolava un programma satirico qualche anni fa.

Soprattutto e prima di tutto, la monarchia inglese ha davanti a sé un arduo sentiero; l’ennesima bomba ad orologeria potrebbe essere proprio la fidanzata del principe Harry, Meghan Markle; pur essendo assai improbabili impasse per la successione, in stile Edoardo VIII, proprio in virtù della secondogenitura di Harry, la Markle è evidentemente una donna di rango molto inferiore, andando così ad aggiungere a quella che sembra lentamente ma inesorabilmente una casata sempre più imborghesita

C’è anche da sperare che non si rivelino mai vere le voci di corridoio che descrivono la Markle in gioventù come un’accompagnatrice.

E mentre il matrimonio William-Kate pare molto saldo, Elisabetta II si trova ad essere formalmente ancora a capo della Chiesa Anglicana e detentrice del titolo “Difensor Fidei”, difensore della fede, proprio in uno dei Paesi europei che più si stanno allontanando dalle proprie radici cristiane (ritmo che sembra essere più sostenuto nei Paesi protestanti più che in quelli cattolici), e proprio in quel Regno Unito dove la crescita demografica delle minoranze maomettane è più allarmante.

Inoltre, la cosa si va complicando viepiù visto che il principe Carlo, erede designato, ù da molto tempo noto essere un aperto islamofilo.

Ergo, le nubi vanno radunandosi sui cieli della monarchia albionica.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *