Liberismo e circolazione della ricchezza

di Marco Di Lecce.

L’argomento è molto ampio e qui non potrà essere affrontato in maniera esaustiva.
Già so che questo articolo susciterà opinioni contrastanti, ma è giusto che sia cosi.

A mio avviso, la dottrina sociale che ha causato la miglior distribuzione della ricchezza è il liberismo.

Tutte le forme di protezionismo, dirigismo, collettivizzazione e controllo statale non hanno mai ottenuto risultati così positivi.

Noi liberali partiamo dal presupposto che l’individuo sappia meglio di chiunque altro cosa sia più conveniente per se stesso. In un sistema di libera concorrenza, il singolo, attraverso il perseguimento dei propri sogni e impiegando le proprie competenze, può aspirare a guadagnare il più possibile; e ciò non danneggia la libertà degli altri individui di fare lo stesso.

Nei regimi controllati dallo stato invece, le risorse umane vengono contratte e smorzate a favore degli interessi del potere politico; perciò non si potrà raggiungere un’ampia distribuzione della ricchezza.

Ora pensiamo un attimo al giorno di oggi. I paesi in cui i redditi medi sono più alti e distribuiti, sono anche quelli in cui il liberismo si è affermato con maggior incisività: basti pensare a Stati Uniti e Inghilterra.

A mio avviso, occorre liberarsi delle incrostature ideologiche e stataliste del passato e incentivare il più possibile le risorse umane di cui il nostro paese è pieno.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *