I rincari del 2018 – altro che le buste da 2 centesimi

di Sebastiano Flaminio.

Da tempo comincio a sospettare che gli italiani abbiano una curva dell’attenzione molto bassa e che si lascino distrarre fatalmente da questioni assai futili.

Tutti noi avremo già letto degli aumenti del 2018 e della questione dell’imposizione delle buste da 2 centesimi per le catene di distribuzione di generi alimentari; allo steso modo avremo anche visto girare sui social (ormai fonte principale di informazione per molti) con più insistenza la seconda tra le due questioni.

È sicuramente giusto, in un Paese sempre più povero, preoccuparsi dei rincari, ma quello che non riesco a capire in questo Paese è il perché di tanto affanno per presunte battaglie tanto risibili come questa, facendo invece passare nel silenzio dell’opinione pubblica la stima per l’aumento da 952 euro a famiglia per le utenze.

Certamente la questione del “confitto di interessi” nella vicenda dei sacchetti può pure appassionare chi cavalca battaglie sterili e demagogiche (dato che non si dice che ci sono stati dietro anche degli investimenti in ricerca e brevetti che hanno dato del lavoro a qualcuno).

La questione dei rincari del 2018 è diversa, e lo spessore è diverso. Leggo, infatti, da una rivista on line (per chiarezza sto citando “Leggo”) il parere espresso in una nota che rivela che la responsabilità di tali aumenti è dovuta anche a speculazioni su cui avrebbe dovuto (quindi potuto) porre un argine il Governo.

Dato che a brevissimo ci recheremo alle urne, mi piacerebbe vedere il risveglio della destra sociale che si indigni per queste cose; mi piacerebbe che i giovani buttino via la questione delle buste per cogliere a piene mani le informazioni più importanti e avviare battaglie più dignitose e serie; mi piacerebbe anche vedere nel dibattito politico il pensiero dei candidati sulla speculazione e la loro posizione verso certi fenomeni della finanza.

Tutto questo rivela il tipo di popolo che siamo e che vogliamo essere, ma questa generazione vuole farsi carico di intraprendere questa strada?

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *