Consultazioni: oggi i quattro big. Fumata nera?

Di William Grandonico
Consultazioni: Mattarella, dopo aver scaldato i motori con i Presidenti di Camera e Senato, Napolitano, Autonomie, il gruppo misto e FDI, oggi passerà ai 4 partiti più grandi.

Sergio Mattarella, dopo aver effettuato il primo giro di consultazioni, ieri, al Colle, oggi passerà ai partiti più grandi e influenti del panorama politico italiano.

Ripercorrendo le varie chiamate al Quirinale, ieri, hanno partecipato, in ordine, il Presidente del Senato Casellati, che è rimasta nello studio del PDR per parecchi minuti, molti di più del suo omologo, il Presidente della Camera Roberto Fico. Intorno alle ore 12 è toccato varcare la soglia della sua ex dimora all’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Terminati i colloqui con le cariche maggiori del Parlamento, nel pomeriggio, Mattarella, ha cominciato con i gruppi parlamentari. Il primo gruppo è stato quello delle Autonomie, a seguire il gruppo misto e nel tardo pomeriggio è stata la volta di Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni. La leader di FDI chiude a qualsiasi inciucio, dice sì a un governo di centrodestra, ma non a un governo che sia differente da quello voluto dagli italiani alle urne. La Meloni conferma che è stata indicata la figura di Matteo Salvini come Presidente del Consiglio.

Oggi toccherà alle formazioni politiche più grandi, esordirà il PD intorno alle ore 10, con Martina e Orfini e con i capigruppo Marcucci e Delrio. Alle ore 11 sarà il turno di Forza Italia, che varcherà la soglia dello studio alla Vetrata, con Gelmini, Bernini e Berlusconi, importante assente, Antonio Tajani. Toccherà, subito dopo, alla Lega di Salvini e intorno alle 16.30 al M5S con Giulia Grillo, Di Maio e Toninelli.

Nella serata il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, potrà trovare una risposta a quelle che saranno le indicazioni dei gruppi parlamentari e dei vari partiti. Probabilmente la prima ondata di consultazioni si concluderà con una fumata nera. Chissà, in serata scopriremo le carte e potremo capire quali saranno le indicazioni del Presidente.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *