A sinistra si fanno divertire i bambini con la violenza antifascista.

Di William Grandonico
A Macerata gli Antifa utilizzano i bambini facendogli picchiare un fantoccio del Duce. Una situazione agghiacciante.

Una situazione imbarazzante quella che è accaduta a Macerata. Durante la manifestazione per l’anniversario della liberazione, il 25 Aprile, nella città marchigiana, luogo in cui qualche mese fa è accaduta una tragica vicenda di violenza, le sinistre si divertono inneggiando appunto alla violenza contro il “fascista”.

Assurdo ciò che è accaduto a Macerata. Durante la manifestazione Antifa, gli organizzatori hanno giocato “alla pignatta” con i bambini. L’invito era appunto rivolto ai giovani cittadini, a cui, era riservato l’autorizzazione di “spaccare la testa al Duce, per poi vincere delle caramelle”. Inquietante!

Il Duce, Benito Mussolini, veniva riffigurato a testa in giù, appunto per rievocare piazzale Loreto. Il fantoccio è stato di conseguenza sostituito con un altro che indossava una maglietta nera con una croce celtica al petto. Una scena molto triste e ridicola quella mostrata ai bambini maceratesi. Invitare alla violenza, come la stessa che ha barbaramente ucciso migliai5a di italiani che avevano una fede politica diversa, è sinonimo di vigliaccheria.

Ai tempi, credere in un’idea era sbagliato, meglio svegliarsi e indossare una sciarpa rossa. Loro, gli stessi della sciarpa rossa, si indignano contro il fascismo e contro una fede politica di colore diverso, ma non fanno nulla per evitare che i bambini crescano diversi da chi, anni fa, uccise barbaramente un capo del governo e i suoi collaboratori.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *