Analisi Contratto di Governo Lega-M5S su Esteri e Difesa

di Francesco Cirillo.

Contratto di Governo Lega-M5S: analisi punti Esteri e Difesa

Leggendo attentamente i due paragrafi sulla Difesa e sugli Esteri presenti nel Contratto di Governo ho analizzato una mancanza di vedute e di temi nel redigere i due paragrafi. Questo dimostra una gravissima mancanza di prospettiva delle due forza politiche sia nelle politiche di difesa che in quelle legate sia alle Relazioni internazionali dell’Italia sia alla sua azione diplomatica da attuare nello scacchiere internazionale.

Esteri

Nel contratto di Governo M5s Lega Il futuro esecutivo si impegna ad esercitare una politica estera che sia incentrata nella tutela degli interessi nazionali di Roma e sulla non ingerenza dell’Italia negli affari interni degli altri Stati. L’Italia si impegna nel confermare la permanenza di Roma nella NATO ed nel sviluppare con gli USA un rapporto di special relationship; allo stesso tempo l’Italia chiede di sviluppare un dialogo costruttivo con la Federazione Russa visto che , secondo quanto scritto nel contratto di Governo M5S-Lega, si deve considerare Mosca come partner strategico e commerciale sia per l’UE che per la stessa Alleanza Atlantica, e non più come minaccia militare . Per ciò nel contratto giallo-verde si specifica la cancellazione immediata delle sanzioni economiche nei confronti della Russia come condizione preliminare per riallacciare i contatti diplomatici con Mosca ed inquadrare la Russia nei futuri dialoghi diplomatici con fine di risolvere le crisi regionali in Medio Oriente e nel Nord Africa ( Siria, Libia, Yemen).
la Diplomazia Italiana, secondo quanto cita il Documento, deve focalizzare la sua azione sul Fronte Sud  e rafforzare la cooperazione internazionale con i paesi del Nord Africa che si affacciano sul Mediterraneo che combattono il terrorismo islamico. Secondo il paragrafo Esteri del Contratto( par 9) è proprio nel Mediterraneo il principale scenario internazionale i cui sono presenti i principali fattori d’instabilità o è i flussi immigratori e l’estremismo islamico.

Difesa

Per il Contratto la massima priorità per rendere più efficiente il settore industriale della difesa e delle Forza Armate è la tutela del personale militare di tutte le forze armate italiane. Per il Contratto bisogna rendere efficiente l’impiego dei contingenti militari italiani all’interno dello stesso Territorio Italiano per la protezione della sovranità nazionale.
Nel documento viene scritto che il futuro governo deve proteggere e tutelare il comparto militare-industriale italiano ed aumentare i finanziamenti statali nella ricerca ed implementare il know how nazionale, principalmente in quello non militare; infine il paragrafo 8 sulla Difesa, presente nel Documento, accenna nel aumentare la progettazione e la realizzazione di navi, aeromobili e sistemi hi tech. Il Paragrafo sulla Difesa si conclude con due “commi”: la necessità per il futuro governo di far partire nuovi reclutamenti e dotare con nuovi mezzi ed equipaggiamenti le Forze dell’ordine che operano con la difesa.
Il Paragrafo sulla difesa si conclude con l’obiettivo del governo di rivalutare la presenza dei contingenti militari italiani in quelle missioni che sia in termini geopolitici sia geograficamente lontani non sono necessari per la tutela dell’interesse nazionale italiano.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *