I tanto sponsorizzati tagli dei vitalizi: la verità

di Mattia Ventroni.

È passata alla Camera la delibera per il taglio dei vitalizi. La manovra non è sicuramente passata inosservata, persino fuori dal palazzo. I cittadini esultano e capiscono che questo provvedimento ha una rilevanza storica importante. Gli ex parlamentari invece gridano ad alta voce la parola ingiustizia. Le opinioni sono differenti. C’è chi ritiene che finalmente giustizia sia stata fatta e chi invece pensa che in qualche modo così vengano lesi dei diritti acquisiti. Un altro aspetto importante di questa vicenda è l’attribuzione del merito connesso a questa normativa. Di chi è la gloria? A chi spetta? Forse un po’ tutti ritengono che la risposta sia da trovare in Beppe Grillo, Di Maio e suoi collaboratori. È veramente così? Per dovere di cronaca vogliamo sottolineare che Giorgia Meloni fece esattamente questa identica proposta prima nel 2011 e successivamente nel 2013. La proposta fu ampiamente bocciata dalle sinistre e anche dal Movimento Cinque Stelle. I fatti stanno proprio così. Si può dire quindi che sia tutto merito del rinnovato spirito politico portato avanti dal comico genovese? Non sarebbe propriamente corretto. La destra italiana ha avuto un ruolo di primo piano in questa vicenda. Merito del movimento di Beppe Grillo è aver cambiato opinione sul tema. Questo è sintomo di grande intelligenza. Staremo a vedere se anche il Senato seguirà le orme della Camera.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *