Bellezze Italiche: il Lago di Como

di Paolo Muttoni.

Manzoni ci ha ambientato un romanzo intero, I Promessi Sposi; ha dato i natali ad un grande intellettuale come Gianfranco Miglio. Alle sue sponde ha decine di fantastiche ville divenute talvolta set cinematografici. Regala delle panoramiche mozzafiato, grazie alla presenza di montagne laghi e fiumi. È il lago più profondo d’Italia. Nel 2014 l’Huffington Post lo ha eletto il “lago più bello del mondo”. È il lago di Como.

Le testimonianze della presenza dell’uomo alle sue sponde le abbiamo fin dalla preistoria più antica. Nel corso del medioevo sarà un importante crocevia tra la debole penisola italica divisa tra comune e ducati, ed il forte impero germanico. Sempre pronto ad invadere la penisola, ivi compreso il lago. Sponde che saranno protagoniste della fine della seconda guerra mondiale. Su queste montagne ci sarà la più alta presenza di partigiani, che facevano la spola tra l’Italia e la svizzera per rifugiarsi dai rastrellamenti. In queste sponde cercò riparo il Duce, pronto anche lui a passare il confine dal valico di Porlezza, data l’altissima presenza di fascisti in quella zona. Duce che troverà la prigionia a Dongo il 27 aprile 1945 catturato dai partigiani rossi insieme al suo governo, per poi essere ucciso il giorno seguente a Giulino di Mezzegra. Tutti paesi piccoli, quasi abbandonati, ma che hanno una bellissima microstoria.

Lago di Como che è una delle mete turistiche più ambite dai turisti stranieri che nel 2017 hanno raggiunto quota 78,2% su un totale di 3 milioni e 200 mila visitatori per un indotto che supera il miliardo di euro. Ciò dovuto, oltre che alla capacità di fare turismo da parte degli addetti nel settore, anche alla tranquillità che il lago trasmette e la cucina che e’ in grado di offrire. Cucina fatta di prodotti semplici e tipici del territorio lariano, e si può spaziare dalle specialità del lago, passando per quelle i fiume, fino ad arrivare alla montagne caratteristiche e varietà che lo rendono unico.

Lago di Como che tocca non solo l’omonima provincia, ma anche un’altra importante come quella di Sondrio e tutti i paesi della Valtellina, anche essi con le loro specialità. Caratteristica importante, il lago è profondo ma anche lungo. Ciò che si mangia a Colico (all’estremo nord) è diverso da ciò che si mangia a Menaggio (nel centro lago) ma e’ anche diverso ciò che si mangia a Como (Estremo sud del lago).

Andando nell’entroterra verso nord-ovest si trovano un altro lago, quello di Lugano, che si può definire un figlio di quello lariano, ma questa è un’altra storia…

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *