La Grecia continua a bruciare

di Pasquale Guacci.

“GRAECIA CAPTA FERUM VICTOREM CEPIT”

Così recitava un famoso aforisma di Orazio. Se oggi possiamo vantare una storia senza eguali, molto lo dobbiamo al popolo Greco. Proprio quel popolo che con i concetti di Europa e di democrazia li donava al mondo tremila anni fa. Quello stesso popolo che continua a bruciare inerme abbandonato dalle istituzioni. Nel piccolo villaggio di Mati, alle porte di Atene, sono stati ritrovati 26 corpi carbonizzati, alcuni dei quali abbracciati. Il numero dei morti continua a salire e il vento alimenta la potenza delle fiamme. Sanno di presa in giro i fondi e i messaggi di coraggio da parta dalla UE che, in Grecia, con le misure di austerity imposte, hanno determinato il taglio netto delle spese per i vigili del fuoco, che si sono trovati a dover intervenire con un quarto degli automezzi fuori uso per tagli alla spesa pubblica e senza tute antincendio.

L’ Europa si dimentica chi l’ha partorita. Tornerai a splendere. Avanti figli di Grecia. Non mollate!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *