Rai: fumata nera. Vigilanza boccia la presidenza Foa.

Di William Grandonico
La commissione vigilanza Rai boccia la candidatura di Foa alla presidenza Rai.

Sono stati 22 i pareri favorevoli alla presidenza della Rai da parte di Marcello Foa. Una scheda, quella bianca, probabilmente del presidente della commissione vigilanza Rai, quota forzista. Forza Italia, Partito Democratico e Liberi e Uguali non hanno partecipato alla votazione, non permettendo di raggiungere il quorum di 27 e facendo saltare tutto.

Marcello Foa, nome a quota leghista, non piaceva a Forza Italia. Gasparri:”metodo sbagliato , candidato bocciato, ora va cambiato. In rima si capisce” così il Senatore forzista su Twitter. Anche il piddino Maurizio Martina, entrando al Nazareno, ha commentato “Vogliono una Rai asservita ai comandi di Salvini e della Casaleggio. Il Parlamento ha detto no. La commissione di vigilanza ha fermato questo scempio orchestrato per avere un presidente funzionale ai voleri dei nazionalpopulisti”.

L’asse Lega – Forza Italia non pare sgretolarsi. Quello che viene meno in questa situazione, è il dialogo che i partiti della “fu alleanza” di centrodestra, per evidenziare anche il commento del direttore di La 7 Mentana. Un dialogo che già in merito al “decreto dignità” che sta animando il Parlamento in questi giorni, stava venendo meno, con la bocciatura di TUTTI gli emendamenti sollevati dall’opposizione azzurra.

Il “senso unico” leghista e grillino, palesato in queste situazioni rimarca posizioni intransigenti e autoritarie. La questione sollevata dai parlamentari azzurri e PD, fa riferimento alle modalità di accordo che, in merito alla presidenza Rai, si riferivano a figure di garanzia, e non come palesato questa mattina, a una figura di espressione politica. Anche Silvio Berlusconi, su Twitter, tramite i canali ufficiali di Forza Italia si fa sentire:”Il servizio pubblico non appartiene alla maggioranza o al governo, appartiene a tutti!”

Lo confermano in una nota congiunta Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini:”Forza Italia è disponibile al dialogo e al confronto. Anche sulla Rai sarà fatto.”

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *