Repubblica, ma che figura di… Tra i 3 “contestatori” dei leghisti a Castellaneta, anche la giornalista che ha girato il video.

di Elena Ricci.

Altro che scoop, Repubblica ha fatto un vero e proprio flop. E non sarebbe poi una novità, considerata la collaudata capacità con la quale vengono “rigirate le frittate”.
Nella mattinata di domenica, un gruppo di leghisti, guidati dall’onorevole barese Rossano Sasso e dal coordinatore provinciale Lega di Taranto, Donatello Borracci, si sono recati in spiaggia a Castellaneta (TA) per esprimere solidarietà alla ragazzina di 17 anni che, proprio lì, qualche giorno fa, mentre era in compagnia del fidanzatino, è stata molestata da un 31enne senza fissa dimora di nazionalità marocchina, sul quale pende un decreto di espulsione dal 2013. Violenza sessuale aggravata, quella che la giornalista di Repubblica che ha girato il video, immaginando (perché è immaginazione, non realtà) una contestazione di massa, ha definito “tentativo di violenza”.
I leghisti dunque, giunti in spiaggia per solidarietà alla minore, hanno anche segnalato alla polizia municipale (impossibilitata ad intervenire) la presenza di venditori abusivi in spiaggia. E anche qui c’è da precisare: venditori abusivi, merce contraffatta, vendita irregolare e non i venditori ambulanti.
Una spiaggia gremita, ma ad insorgere due /tre donne e la giornalista che ha fatto le riprese, come ci ha spiegato telefonicamente l’on. Sasso.
“Tanto rumore per niente – spiega Sasso – nessuna contestazione, a parte due tre signore un po’ agitate. In tanti ci hanno accolto, abbracciato, hanno preso un caffè con noi e ci siamo scattati dei selfie. Di contestazioni vere ne ho subite, ma non era certamente una contestazione, il rumore di due signore in spiaggia, a fronte dei tanti che ci hanno accolto”.
A dire dell’onorevole le signore insorte avrebbero anche detto: “siete fascisti, a noi della minorenne non frega niente”. Ma questo su Repubblica non lo leggerete mai. Loro hanno solo riportato “siete fascisti”.
Una strumentalizzazione in stile stampa prezzolata, che fino a smentite ufficiali ha fatto pensare ad una mega ribellione.
“Rispetto le idee politiche della giornalista – dice Sasso – ma non il modo in cui ha esercitato la sua professione. Repubblica farebbe bene a diventare un partito e la giornalista potrebbe fare politica, allora potremmo anche confrontarci politicamente. I giornalisti devono essere testimoni di verità. Non mi è stato concesso di replicare”. Ma anche questo è risaputo. Noi la verità invece abbiamo voluto raccontarvela, anche perché su Facebook tanti sono i selfie e i post entusiasti di chi domenica mattina era su quella spiaggia. Altro che spiaggia insorge!
Sulla vicenda si è espresso anche il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano che, chi scrive, ha avuto modo in più occasioni di dire, che la politica ha cambiato quello che un tempo era l’uomo di legge.
Più che esultare su una falsissima contestazione, Emiliano, da ex uomo di legge, dovrebbe avere bene in mente la distinzione tra un ambulante provvisto di licenza e in regola con il pagamento delle tasse, e un abusivo che vende merce contraffatta a scapito dei commercianti locali vessati dai tributi, ma l’ideologia e la caccia ai consensi, in un clima come questo dove la sinistra viene applaudita solo sulla nave Diciotti, ha la meglio sul buon senso. Emiliano dovrebbe pensare a questo, alla disoccupazione, alle infrastrutture pietose che rendono un viaggio da Roma a Taranto, un’impresa medievale. Dovrebbe pensare alla sanità, al disordine ospedaliero (altro che riordino), ai punti di primo intervento soppressi, agli ammalati che sono diventati pendolari, alle scuole che cadono a pezzi, alle liste d’attesa infinite per una visita, all’emergenza ambientale. Forse dovrebbe usare meno Facebook e più la sua funzione da Governatore di una regione che non inizia e finisce a Bari. Forse a Emiliano sfugge l’estensione della Puglia.
Per quanto riguarda Repubblica, beh, un merito gli va riconosciuto. Il castello di sabbia almeno stavolta lo ha costruito su una spiaggia.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *