Selvaggia Lucarelli denuncia il Segretario della Siap e gli opinionisti del web si dividono

di Matteo Ghilardi
Violentata a soli 15 anni sulla spiaggia di Jesolo; una vicenda che ha come aggressore Mohamed Gueye, 25enne senegalese in carcere a Venezia con l’accusa di aver violentato la ragazza. Un sorriso e qualche parola gentile e poi la violenza, commenta la giovane.
Nonostante il 25enne abbia ammesso a più riprese che “ho fatto sesso con lei ma era consenziente”, d’altro canto la polizia  ha  in mano prove schiaccianti contro di lui. C’è qualcuno però che pensa che la vittima si sia meritato quanto le è accaduto. Non una persona qualunque, o magari una persona che vuole restare anonima, abituato però  a scrivere commenti forti sul web, bensì un poliziotto ed è attualmente Segretario del sindacato indipendente di polizia di Rovigo.
In un post su Facebook, ripreso da Il Gazzettino, corredando l’articolo della violenza scrive: “Queste ragazzine pensano di rimediare una canna facendo servizietti veloci agli spacciatori, poi trovano quello che invece vuole il servizio completo e allora piangono perché le stuprano, una storia vecchia come il mondo”.
Il primo personaggio pubblico  che è  intervenuto sulla  vicenda  è la influencer  Selvaggia Lucarelli che dal suo account Facebook attacca: “Lui è il Segretario del sindacato indipendente di polizia di Rovigo. Si esprime così, sulla sua pagina Facebook, su Stefano Cucchi e il film su di lui, sulle ragazzine violentate, sulla Boldrini, sugli immigranti, sulla guardia costiera, sull’ambasciatrice di Malta definita “mignotta da Night” e via discorrendo”. Per concludere: “Ora, siccome io di poliziotti ne conosco tanti, so che si vergogneranno di un collega così. Non se lo meritano un collega così”. Nel frattempo esplode il web, e la Lucarelli ha comunicato tramite post,  che scatterà una denuncia nei confronti del soggetto, che ha detta sua, non aveva il diritto di utilizzare quelle espressioni nei confronti di una ragazzina che aveva subito una violenza sessuale. Intanto gli opinionisti si sono divisi tra coloro che sostengono l’iniziativa della Lucarelli, e coloro che appoggiano le idee del Segretario del sindacato di polizia. Lo stesso Carabiniere che ha testimoniato contro i suoi colleghi nel caso Cucchi pochi mesi fa, si è schierato contro il Segretario definendo le sue parole “Vergognose e irrispettose nei confronti di una donna”. Adesso si aspetterà un’ incontro di chiaramento proprio tra Salvini e la stessa Ilaria, dopo aver avuto diverse divergenze in passato, sul caso ombroso del romano Stefano Cucchi.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *