Il Modello Lega.

Di Paolo Muttoni
“Modello Lega vecchio si, ma vecchio vuole dire anche esperienza. Esperienza che poi si tramuta, come si può vedere, nella buona e lungimirante amministrazione di diversi comuni e soprattutto il fiore all’occhiello del Leghismo “Regione Lombardia”. Regione piu’ virtuosa nel panorama italiano, ed anche europeo.”

In questi anni stiamo assistendo ad una dissoluzione del partito di massa tradizionale stile novecento. Partiti, per capirci, strutturati sui territori con una precisa base di elettori e militanti pronti a sacrificare tempo e denaro in favore del partito stesso e degli ideali che esso stesso rappresenta. Stiamo assistendo in questi anni “Millenialls” a partiti liquidi che stanno operando un distaccamento dalla propria base militante. Il caso più eclatante e simbolico e’ il Movimento 5 stelle. Nato dal nulla sulla rete , ha una debole organizzazione e radicalizzazione territoriale. Sono un esempio il confronto tra elezioni amministrative e politiche dei pentastellati, alle prima in una stessa zona prendono il 30%, alle seconde non riescono a raccogliere le firme per presentare la lista. Però esiste il ”Webbe” come dicono loro.

Poi abbiamo il PD con i suoi circoli che si stanno via via svuotando di persone e riempiendo di mosche e formiche, le persone scappano perché il PD ormai non rappresenta più nulla avendo tradito la propria base di elettori di sinistra. Poi, Forza italia che dimostra un organizzato radicamento territoriale, ma troppe volte chiuso su personalità che hanno stesse posizione di potere da troppi anni.

Infine, il “Modello Lega”. La Lega è l’unico partito vecchio, sia per età anagrafica, sia per stile (e non sempre essere un partito vecchio è negativo). La Lega ha un fortissimo radicamento territoriale al nord, con sezioni comunali, direzioni provinciali, ed una forte base di militanti, con militanti che vi sono dall’inizio degli anni 90 e via via nuovi che si avvicinano, ma con un continuo ricambio generazionale che permette di mantenere intatti i valori ed ideali del partito . lega che dimostra la sua buona amministrazione anche al centro e sud, territori dove fino a poco fa era inesistente, ora prende il 5,10,15% superando partiti che sono in quei territori da anni. Alla nuova Lega si avvicinano persone di tutte le età, vecchi giovani e di tutte le categorie lavorative. Lega che un sistema di comando molto snello e semplice, c’è un capo (che ora è il buon Matteo Salvini) finché il capo comanda si seguono le sue direttive, quando poi ci sarà da cambiare la leadership si discuterà se si vuole, ma il tutto con il massimo rispetto.

Modello Lega vecchio si, ma vecchio vuole dire anche esperienza. Esperienza che poi si tramuta, come si può vedere, nella buona e lungimirante amministrazione di diversi comuni e soprattutto il fiore all’occhiello del Leghismo “Regione Lombardia”. Regione più virtuosa nel panorama italiano, ed anche europeo.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *