Rimpasto di governo? Si ma solo con Savona al MEF

di Paolo Muttoni

In questi ultimi giorni sui giornali stanno uscendo delle notizie molto fantasiose, retroscena poco attendibili ed altre nefandezze.
In principio, prima della nota di aggiornamento al DEF, quotidianamente uscivano notizie sulle possibili dimissioni del ministro Tria. La nota è uscita il deficit è al 2.4, come l’intero governo ha deciso tria è ancora lì.
Altre due notiziole, collegate. Le dimissioni del ministro degli esteri Moavero per far posto al nuovo ministro pentastellato Alessandro Di Battista. I 5 stelle starebbero progettando questa mossa per aiutare di Maio a coprire, mediaticamente, un Matteo Salvini che giorno dopo giorno si dimostra sempre di più un politico di razza non che un bulldozer mediaticamente.
l’ultima persa sarebbero le dimissioni di Mattarella da presidente della Repubblica. Il collegamento dei mercati, il padre della patria che voleva salvare l’Italia dal sovversivo Paolo Savona, abbandona proprio ora la Nave?!
Politicamente sarebbe in linea con ciò che il paese chiede, il presidenzialismo, se dimissioni saranno il governo giallo verde né approfitto ed applichi subito nuovi dettami legislativi.
Quello di cui sopra invece pare un rimpasto di governo in stile prima repubblica. Il rimpasto di governo, a cui sono contrario a priori perché lo considero una. Presa in giro agli elettori, lo accetterei solo in un caso, che il nuovo ministro dell’economia sia Paolo Savona. Questo sarebbe un vero segnale di rottura, e non perché con questa scelta avremo la lira e la morte dell’Europa, semplicemente è un economista che dice le cose come stanno .

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *