Il filo rosso tra famiglia e patria nei romanzi vittoriani

di Vanessa Combattelli

Vi è un eterno filo rosso che unisce tutti i personaggi partoriti durante l’epoca vittoriana, in un modo o nell’altro – sebbene combinati da differenti predisposizioni psicologiche, ci rendiamo conto che sono tutti alla ricerca di un’appartenenza quasi disperata, necessaria.
Così Jane Eyer incontra Oliver Twist e Tess D’Uberville, tutti e tre impegnati a vivere un destino difficoltoso e problematico, con condizioni familiari assenti o disastrose, ma in ogni caso figli di un passato ricco e facoltoso.
Infatti tutti e tre i personaggi risultano dei viaggiatori moderni che hanno il peso di un importante cognome o appartenenza di sangue, nonostante la loro sia una vita tutt’altro che facile e sugli allori.
Jane Eyer è una giovane orfana quando il racconto comincia – ricordando che parliamo di un romanzo di formazione, accudita malamente da sua zia vedova in compagnia dei suoi dispettosi cugini.
A Jane viene dato poco: sicuramente cibo e caldo non le mancano, ma ciò che lei cerca più di ogni altra cosa è un amore familiare; questo assolutamente assente da parte dei familiari rimasti, così l’allontanamento da loro (quando Jane va in collegio) risulta tutt’altro che drammatico, definito piuttosto una liberazione.
Anche Oliver Twist è un orfano maltrattato da chiunque lo incontri, un piccolo ragazzo la cui vita è segnata dalla morte prematura della madre e da un continuo incontro tra sconosciuti crudeli e meschini, eppure come Jane anche lui non cerca altro che un focolare che gli appartenga davvero.
Così Tess è – almeno all’inizio, la più fortunata: ha una famiglia e dei genitori, eppure vive in una condizione modesta; suo padre è l’incarnazione della nostalgia del futuro.
D’Uberville fu un grande cognome, appartenente ad una famiglia assai facoltosa ed importante, e dunque qui la necessità di ritrovare quella sacra importanza delle origini.
Tornando a Jane: crescendo diventa un’insegnante privata, com’era di costume in quell’epoca fa la maestra ad una bambina, la diletta del facoltoso Ronchester.
Durante l’evolversi del romanzo Jane prima o poi deve fare i conti con la donna che è diventata e con il destino che – quasi oniricamente, le si presenta facendole avverare il suo più grande sogno: trovare un legame di sangue, una famiglia.
Così il personaggio vittoriano diventa emblema metaforico della condizione umana di quell’epoca – e non sono, con la consapevolezza di una responsabilità assai forte circa il proprio illustre passato, ma al tempo stessa condita dalla condizione difficile contemporanea, composta da continui mutamenti e sviluppi.
L’importanza di questi romanzi – che sono tutto eccetto che libri morti, è l’aver definito un percorso umano che tutt’ora tocca noi, cogliendo gli aspetti della natura umana che incontra nuove esperienze e sviluppi sociali e tecnologici.
Così una Jane Eyer oggi è guida spirituale per qualsiasi uomo del ventunesimo secolo, per quanto usi e costumi siano già cambiati e pronti a cambiare nuovamente, vista la velocità delle condizioni.
Ma per quanto si tenga conto di ogni cosa nuova che sopraggiunge, necessaria – se non vitale, risulta l’appartenenza di sangue e di famiglia, questa oggi assume una connotazione organica e più vasta: diventa Nazione, bisogno di un romanticismo contemporaneo che riconduca l’uomo a dei valori che gli sono appartenuti.
Ancora di più bisogna ribadire che l’unico modo per proseguire davvero è il conoscere la propria storia, poiché se non cercheremo più le nostre origini, saranno loro a trovarci, cogliendoci poi impreparati.
Ma più importante di questi è la necessità di allontanare da sé la nostalgia del futuro – tutto ciò che poteva essere ma non è stato, poiché al tempo stesso condurrebbe l’uomo verso un vortice di perdizione e di continuo rimpianto delle scelte perse e andate.
Il filo rosso ha bisogno di consapevolezza dell’antico, ma la sua direzione non può che essere quella in avanti, perché per quanto il destino debba fare il suo gioco, è altresì vero che homo faber fortunae suae.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *