Troy: Fall of a city / Julius Caesar: quando il progressismo vuole riscrivere (male) la storia

di Nello Simonelli

Cosa hanno in comune Giulio Cesare, Zeus, Achille e Patroclo?

Il primo è stato un militare, console, dittatore, pontefice massimo, oratore e scrittore romano, considerato uno dei personaggi più importanti e influenti mai esistiti.

I secondi sono storia, epica e leggenda, narrati dal cantore cieco Omero nella Guerra di Troia.

Tutti, però, fanno parte di quell’immaginario coscienziale che sin da bambini ci portiamo dietro, fatto di eroismo, virtù, coraggio, onore, sacrificio, lealtà e belligeranza.

Ah, aspetto non secondario: sono neri.

Cioè, non che lo siano stati davvero, se non per la serie “Troy: Fall of a City” e per lo spettacolo teatrale “Julius Caesar”.

Giulio Cesare nacque nella Suburra, un popoloso quartiere dell’antica Roma, dalla gens Iulia, una famiglia appartenente al rango patrizio: la quintessenza della Romanità, nessun dubbio in merito.

Zeus fu il Re degli dei olimpici: già dargli delle fattezze umane è impresa da non poco. Sorvoliamo.

Achille e Patroclo ci vennero definiti, dal buon Omero, come “achaios” e “xanthos”, in poche parole “achei” e “dal colorito di capelli biondo”.

Va da se che, al netto dell’impossibilità di un tale revisionismo storico, di nulla si tratta fuorchè di un’operazione simpatia di quella parte di progressismo liberale statunitense (da noi lo chiamiamo buonismo, con buona pace di chi sa che questo termine è usato impropriamente), che assume dei contorni beceri.

Non è portando in scena Giulio Cesare nero che si da dignità ad un colore della pelle, dignitoso di per sé. Né identico risultato si ottiene portando in scena un Achille di chiare origini nigeriane, in barba alla definizione omerica.

Esistono molti grandi eroi neri dei quali andrebbero esaltate le gesta: Mandela, Clay, King, Annibale, Haile Selassie… e si potrebbe andare avanti per ore.

Non c’è bisogno di revisionare la storia per creare sintonia.

Farlo, in nome del più stupido progressismo mistificatore, fa solamente passare per cretini.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *