Un anno dalla morte di Davide Astori

di Mattia Vetroni


Quattro marzo 2018: data storica, le elezioni politiche che hanno cambiato gli equilibri politici degli ultimi 10 anni.
Nel clamore elettorale, in mezzo alle agenzie di stampa che stilano improbabili exit poll l’Italia viene distrutta da una notizia scioccante. Davide Astori è stato rinvenuto senza vita nella sua camera d’albergo. Morte cardiaca improvvisa seguita a fibrillazione ventricolare dovuta a cardiomiopatia aritmogena silente. Questo è quello che dice il referto medico. Davide Astori non lascia soltanto un vuoto incolmabile nel cuore dei tifosi ma lascia una voragine nel cuore della sua famiglia e della sua fidanzata Francesca Fioretti, madre di Vittoria, piccolo grande miracolo della loro storia d’amore.

La sua professionalità è correttezza hanno stimolato tanti ragazzi ad un calcio pulito, contraddistinto dal rispetto e dalla disciplina. I tifosi di Cagliari, Fiorentina e Roma non lo dimenticheranno mai.
Possiamo esser certi che da lassù ci guarda con gratitudine, abbozzando un sorriso. Ciao Davide!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *