Femminicidio: Allo scontro tra Governo e toghe soggiace quello tra equità delle sentenze e sentimento di giustizia sociale

di Manuel Massimiliano La Placa

Il  tema giuridico è delicatissimo, poiché il femminicidio non incrocia soltanto le serrate dinamiche prettamente processuali che si dipanano entro vicende umane drammatiche, bensì intercetta anche un tema che suscita nell’opinione pubblica reazioni di sdegno, nonché un sentire bisognoso di giustizia a fronte di avvenimenti socialmente riprovevoli.

Verdetto e condotta


Questa doppia dimensione finisce, inevitabilmente, per collassare nel momento in cui l’Autorità giudiziaria emette il proprio verdetto ed applica il diritto in relazione alla condotta dell’imputato: un giudizio necessariamente variabile poiché calibrato su ogni singolo caso concreto oggetto del dibattimento.Le norme, nella loro astratta perfezione o incompletezza, devono quindi essere inevitabilmente calate di volta in volta nella realtà, nelle dinamiche che hanno dato origine al procedimento e che, soprattutto, si sviluppano e si completano innanzi al Giudice a seguito del necessario contraddittorio tra accusa e difesa.

Tutela della vittima e dei parenti


E se, da un lato, la dimensione strettamente tecnica e procedurale richiede di orientare la valutazione finale contemperando tanto le garanzie dell’imputato, quanto la necessaria tutela della vittima e dei relativi parenti, al di fuori di un cerchio simile finisce, d’altra parte, sempre per residuare il ruolo dell’opinione pubblica, del sentimento di giustizia che pervade l’ordinamento giuridico inteso come collettività dei consociati, dei cittadini. Ed è proprio con il predetto sentire che le sentenze devono, di volta in volta, fare i conti in misura più o meno ampia, soprattutto laddove percepite come non sufficientemente severe verso i “colpevoli”.

Il caso Gamboa: la tempesta emotiva


Tutto ciò è accaduto anche nei giorni scorsi, in occasione della sentenza che, pur nel condannare Javier Gamboa per il volontario assassinio della moglie Angela Coello Reyes che lo aveva tradito, dapprima ha mitigato i 30 anni di reclusione richiesti dal P.M. riducendoli a 24 poiché l’uomo avrebbe agito in preda ad uno stato d’animo intenso, non pretestuoso né umanamente incomprensibile, con l’attenuazione dovuta ad una condotta della moglie contraddittoria, incoerente, che lo avrebbe cioè illuso e disilluso al contempo.In seconda battuta, il rito abbreviato ha consentito l’automatica diminuzione della pena sino ad arrivare a 16 anni.

Come si è posto Conte

Come detto, una dimensione puramente tecnica che si estende, necessariamente, sul piano soggettivo ed interpretativo della portata della condotta dell’imputato.
Sul tema, non si è fatta attendere una dura presa di posizione del Governo per mezzo delle parole del Presidente del Consiglio Conte: “Nessuna reazione emotiva, nessun sentimento, pur intenso, può giustificare o attenuare la gravità di un femminicidio. Le sentenze dei giudici si possono discutere, l’importante è il rispetto dei ruoli e, in particolare, la tutela dell’autonomia della magistratura. Le donne, tutte, sono una preziosa risorsa che ci consentirà di costruire una società migliore. Dobbiamo lavorare costantemente a questa rivoluzione culturale”.


A stretto giro, la secca replica da parte di Alcide Maritati, Segretario dell’Anm il quale, al riguardo, precisa: “Ogni magistrato ha il dovere di prestare massima attenzione, anche linguistica, quando affronta procedimenti e motivazioni di questo tipo” per poi affermare che “Le sentenze si possono sempre criticare, ma se si estrapolano frasi messe in circolazione sui media o sui social in modo semplicistico questo finisce per scatenare un dibattito non consapevole che, scandalisticamente, estrapola una frase dal contesto logico e giuridico che, invece, andrebbe conosciuto. La discussione sta travalicando i limiti con commenti, fatti anche da personalità con responsabilità politiche o istituzionali, molto duri e semplicistici. Ciò aizza l’opinione pubblica contro l’esercizio della giurisdizione.”

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *