Ora si fa sul serio

di Pasquale Guacci

Bosnia-Erzegovina, Grecia, Armenia, Finlandia, Liechtenstein. Queste sono le 5 compagini Nazionali che sfideranno gli azzurri per la qualificazione ad Euro 2020.
Unica manifestazione continentale per nazioni a sedi miste. Per l’Italia è stato scelto lo stadio Olimpico di Roma che inaugurerà la fase finale del prossimo anno (e in caso di qualificazione degli Azzurri, l’Olimpico sarà teatro del nostro esordio). Uno dei tanti motivi per non mancare alla manifestazione.
Dopo la debacle per la mancata qualificazione ai Mondiali Russi, gli azzurri del ct Roberto Mancini hanno il dovere di riavvicinare gli appassionati alla Nazionale. Siamo onesti: non è impresa difficile visto il girone in cui siamo stati sorteggiati.
Il talento c’è, e nei club si vede. Dai promettenti Zaniolo, Conti, Spinazzola, Meret (prestato all’Under 21), Donnarumma, Barella e le certezze Florenzi, Chiellini, Bonucci, Romagnoli, Bernardeschi, Chiesa, Insigne, Immobile.
Capitolo a parte merita la seconda giovinezza che sta vivendo l’attaccante della Sampdoria Fabio Quagliarella. Molto probabilmente, l’Italia si aggrapperà ai suoi gol per raggiungere la qualificazione con la speranza di essere presente tra i 23 nel Giugno 2020.
Sabato si comincia, alla Dacia Arena di Udine contro la Finlandia e a seguire ospiteremo il Lichtenstein a Parma Martedì.
Inutile ribadire l’obbligo dei 6 punti in vista delle sfide più toste con la Bosnia dei “nostri” Dzeko e Pjanic e la Grecia di Manolas. Il ct sì schiererà, molto probabilmente, con un 4-3-3 votato con un gioco palla a terra per sfruttare la qualità dei nostri esterni.
A difendere i pali della nostra porta ci sarà Gigi Donnarumma, difeso dalla linea a 4 da: Florenzi a destra, Spinazzola a sinistra e Chiellini, Bonucci da centrali difensivi.
Linea di centrocampo di qualità con il cagliaritano Barella, Verratti e probabilmente Jorginho in cabina di regia; con i romanisti Zaniolo e Cristiani che scalpitano per un posto.
Sugli esterni avremo un Bernardeschi in versione “Juve-Atletico”, con la speranza che possa regalare la sua devastante tecnica e velocità per gli inserimenti di Chiesa (o El Shaarawy in caso di forfait del fiorentino) e i gol di Quagliarella (quest’ultimo insidiato dal laziale Immobile).
Martedì ci saranno cambiamenti in vista del Liechtenstein ma grosso modo saranno questi gli undici di partenza del ct Mancini.
Il tempo degli esperimenti è (finalmente) finito. L’esordio a Roma è un occasione imperdibile per la Nazionale e per tutto il Paese. Non possiamo mancare.
È ora di fare sul serio!

Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Juventus), Salvatore Sirigu (Torino);

Difensori: Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Atalanta), Cristiano Piccini (Valencia), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Juventus);

Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Roma), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Stefano Sensi (Sassuolo), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Nicolò Zaniolo (Roma);

Attaccanti: Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Roma), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Moise Kean (Juventus), Kevin Lasagna (Udinese), Leonardo Pavoletti (Cagliari), Matteo Politano (Inter), Fabio Quagliarella (Sampdoria).

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *