“Alleanza dei popoli e delle nazioni” – Salvini lancia il nuovo gruppo euroepo

Di Paolo Muttoni

L’8 Aprile scorso a Milano, Matteo Salvini ha presentato il nuovo gruppo che si formerà all’europarlamento dopo l’elezioni del 6 maggio. Alla conferenza Stampa “Verso l’Europa del Buonsenso” hanno preso parte:

 Jörg Meuthen (Alternative für Deutschland – Efdd), Olli Kotro (The Finns Party – Ecr) e Anders Vistisen (Dansk Folkeparti – Ecr), oltre Salvini come rappresentante dell’ENF.

Questa nuova alleanza abbraccia diversi gruppi politici della destra Europea, con l’obbiettivo di rifondare l’Europa su dei nuovi principi: Benessere, Piena occupazione, Protezione dei confini esterni, Sovranità nazionale dei singoli stati. Inoltre l’obiettivo in termini numerici è quello di diventare il primo gruppo politico all’Europarlamento.

L’obbiettivo è ambizioso ed il viaggio deve ancora partire, tuttavia il vero obbiettivo deve essere quello di staccare popolari e socialisti cercando di convincere l’ala destra del PPE ad allearsi per formare una commissione seria e che finalmente può rimettere in pista il sogno europeo; distrutto da questi burocrati e tecnocrati che pensano solo a qualche interesse finanziario e non a quello dei popoli. È una delle prime volte in cui l’Italia è al centro di un movimento Europeo, con la Lega ed in particolare Salvini (possibile candidato alla commissione) che sono promotori e fondatori di questo movimento.

Si è un po’ sollevato il dissenso di Di Maio che ha detto di essere preoccupato per le alleanze della Lega in Europa, peccato che si dimentichi che al momento lui è nel gruppo europeo EFDD di cui fa parte AFD nuovo alleato della Lega. Molto probabilmente Di maio è in crisi nera e deve cercare di rincorrere Salvini, che lo ha mangiato politicamente, su ogni tema.

Dopo questa conferenza è chiaramente partita la campagna per le europee, ed il 10 aprile Salvini ha presentato il primo cartello elettorale della Lega:

una rivoluzione totale con al Centro il PRIMA L’ITALIA ed il tricolore, non ci resta che aspettare i candidati ed i programmi, ma il treno del cambiamento europeo è partito e nessuno lo fermerà.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *