L’Occidente che condanna se stesso

di Nello Simonelli

Lei è Marina Nalesso, giornalista del Tg2, e non ha nulla che non vada.

Anzi sì, per certa sinistra, come Michele Serra, editorialista de La Repubblica, che, come Dracula alla vista della croce, tuona: ”Fa sempre una certa impressione. Si tratta del Tg2…privatizzato dal governo sovranista, con l’implicito logo Dio Patria Famiglia…Non si potrebbe cortesemente evitare?”.

Peccato che la Nalesso, già nei primi anni 2000, affermava di essere credente e di avere una forte vocazione per Nostro Signore, per cui non c’è nessun intento “politico”.

Nel suo sproloquio, l’editorialista torna a dire che è “un reato esibire un crocifisso al collo”. Peccato che siamo una democrazia laica e aconfessionale, che tutela il sentimento religioso espresso in forme consone, peccato che io stesso porto una collanina col crocifisso, come mio padre e mia madre e che se qualcuno mi volesse insultare per questo lo manderei dritto a quel paese.

Qui non c’è nessuna esibizione della croce a scopo propagandistico, qui c’è il sano sentimento religioso, c’è il Cristo che, col suo messaggio di pace e amore, è nel cuore di chiunque in esso creda, perché il messaggio di fratellanza è universale.

La smetta la sinistra di ciarlare di fascismi perché forse, in tutta questa vicenda vergognosa, gli unici totalitaristi del pensiero unico, sono proprio loro.

Siete ancora oggi, come sempre, dei poveri Comunisti!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *