Sala: calzini arcobaleno e poltrona Frau, l’esatto esempio della sinistra radical chic

Il sindaco di Milano, Beppe Sala in posa con i calzini arcobaleno su una poltrona Frau in difesa dei diritti LGBT. L’esatto esempio della sinistra radical chic.

Di William Grandonico

<<Da domani, Pride! Per una Milano dei diritti. E dei doveri.  #pride#pride2019>> È questa la didascalia che compare sotto il post del Sindaco Sala, su Facebook.

Beppe Sala, sindaco di Milano.

Ed eccoci qua, è lui, Beppe Sala, classe ’58 e sindaco di Milano. Posa su un divano di pelle rosso, camicia senza cravatta, pantalone blu e calzino rainbow. È sistemato davanti a una fotocamera per far sentire la sua vicinanza al mondo LGBT di Milano.

Domani si aprirà la nota pride week nella città meneghina, tanti saranno gli appuntamenti in difesa del popolo arcobaleno e tante saranno le richieste di diritti. Beppe Sala è da sempre schierato con il popolo che invaderà le strade di Milano il prossimo 29 Giugno, giorno in cui ci sarà il famoso Gay Pride, la sfilata che lo scorso anno ha visto oltre 250.000 partecipanti.

Numerosi sono stati gli attacchi ricevuti sui social da parte dei cittadini. Sala, seduto su quella bellissima poltrona Frau, di colore rosso, nel suo ufficio, non sembrerebbe così vicino al mondo degli ultimi. In molti lo hanno definito “chiaro esempio del mondo della sinistra Radical Chic”. Quella sinistra dei salotti e delle belle case del centro di Milano, con le bandiere rainbow fuori dalle finestre e la voglia matta di votare +Europa.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *