Generazione Popolare si rinnova, Novero il nuovo Presidente Nazionale

Di William Grandonico

“UNA LUNGA STORIA D’AMORE” così titola il comunicato stampa firmato dal nuovo presidente nazionale di Generazione Popolare, l’organizzazione politica e comunitaria del NES Italia e dal Direttivo Nazionale.

In occasione dell’evento di cui vi abbiamo anche parlato qualche giorno fa, Castrum Italia, l’organizzazione di GP si è rinnovata, dalla nomina di Carlo Novero, giovane romano, ma domiciliato a Milano e studente universitario, a Presidente Nazionale, fino alla riorganizzazione del direttivo, con la nomina di Donato Diviggiano a responsabile di Milano.

“Da #CastrumItalia la struttura di Generazione Popolare si è rinnovata lasciando spazio a una nuova generazione di uomini e donne, chiamati a trasmettere le nostre idee in tutto il Paese.
Perché le storie più belle sono quelle che non finiscono, attraversano il tempo essendo sempre in grado di rinnovarsi per riuscire a guardare al futuro ma non perdendo mai di vista il passato.” Dichiara il neo Presidente Novero.”

Il nostro obiettivo sarà quello di intercettare tutti gli uomini e le donne che si ritrovano nei nostri valori identitari, nella nostra idea di Italia e di Europa; tutte le comunità che non hanno una casa nazionale in cui ritrovarsi e che hanno voglia di sposare un progetto nazionale giovanile indipendente e ad ampio respiro; tutti quei gruppi di ragazzi sparsi per l’Italia che hanno voglia di fare politica, spesso non avendo mezzi, risorse o il supporto di una struttura nazionale, vogliamo esserci per loro e per le generazioni che verranno.

Un enorme debito di riconoscenza poi deve necessariamente andare a chi ci ha preceduto fondando e accrescendo la nostra meravigliosa comunità, a chi ci ha trasmesso la voglia di donarsi per la collettività e quella folle e visionaria speranza che cambiare la storia sia, con amore e coraggio, possibile.
Sarà un onore e una responsabilità enorme guidare Generazione Popolare per gli anni che verranno, un onore di cui siamo grati ma una responsabilità di cui avvertiamo fortemente il peso. Perché solamente imparando a comprendere e a sopportare il profondo significato di questo peso potremo raggiungere gli obbiettivi prefissati e avere la fortuna di lasciare alle generazioni che verranno qualcosa di migliore della bellissima realtà che ci viene data in dote oggi.”

E conclude:

“Infine, un ringraziamento va a Edoardo Arrigo, vera guida e capitano nei momenti difficili, in grado di portare questa nave in un porto sicuro nei momenti in cui la burrasca imperversava più prepotentemente. A lui un debito di riconoscenza per averci cresciuto e aver investito in noi. Da oggi, ci rimbocchiamo le maniche per aggiungere un altro, meraviglioso capitolo a questa lunghissima storia d’amore.”

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *