Zingaretti diceva: “mai con il M5S”. La politica delle giravolte

Di William Grandonico

Comprereste mai un’auto da una rivendita che ha sempre sponsorizzato in maniera negativa una determinata casa automobilistica facendola diventare quasi un’ossessione?

Andreste mai a mangiare in un ristorante che da anni sostiene che cucinare carne sia sbagliato per la salute e poi comincia a fare un business basato solo sulla bistecca fiorentina?

Cari lettori, io non acquisterei mai una macchina da una rivendita del genere e nemmeno andrei a mangiare carne da chi fino al giorno prima me ne parlava malissimo. Più o meno è andata così anche al PD, che con Zingaretti non faceva altro che dire NO al Movimento 5 Stelle. Lo fece dal palco della Convenzione Nazionale del PD, a Roma, proprio qualche mese fa, il 3 Febbraio 2019. Addirittura, il caro Zingaretti lo urlava e diceva proprio così:

“Lo dico davanti a tutti e lo dirò per sempre. Mi sono stancato e lo trovo umiliante, continuare a dire che non intendo favorire nessuna alleanza o accordo con i cinque stelle” e continua “li ho sconfitti due volte e non governo con loro”

Era proprio lui, quello che oggi dal Colle dichiara di essere pronto a raccogliere una “nuova sfida da cominciare”. In tutto questo uragano politico è tornato in scena anche Matteo Renzi, colui che decise, sempre qualche mese fa, di uscire dalla politica.

Aspettiamoci di tutto dalla politica italiana, d’altronde qui ci sono certi amori che non finiscono “fanno dei giri immensi e poi ritornano”, come recitava il testo di una bellissima canzone italiana di Antonello Venditti.

Video di alaNEWS

Zingaretti il 3 febbraio 2019

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *