Achille Occhetto (ex-PCI) “il popolo è una brutta bestia”

Di Paolo Muttoni

Achille Occhetto (Ex – comunista) a La7 ha dichiarato alcuni giorni fa “Il popolo senza mediazioni è una brutta bestia”


Fa già sorridere cosi. Però merita un approfondimento, che va oltre le parole di Occhetto. Questa visione dell’ex “Kompagno” è la plastica rappresentazione di cosa la sinistra mondiale sta diventando con questa concezione che reputa il popolo come appestato, ignorante ed incapace di prendere qualsiasi decisione sensata. E’ questa la stessa sinistra che ha protestato per anni per poter introdurre il suffragio universale? (che qualcuno vuole già abolire)


Della parola “popolo” ne abusano tutti da destra a sinistra ma pochi lo uso con “Schifo” come fa qualcuno a sinistra.


Prendiamo ad esempio l’ultima crisi di governo, Lega e FDI hanno legittimamente chiesto lo scioglimento delle camere per andare a nuove elezioni e dare la parola al popolo, mentre M5S e PD altrettanto legittimamente hanno formato un governo. Ma aldilà del governo, fa impressione come il PD ha raccontato l’operazione. Un racconto tutto incentrato sul “Non andiamo a votare perché vince Salvini” purtroppo non è questo il modo di fare politica. Se dovessimo avere nuove elezioni il problema non è di Salvini che prende il 30/35%, ma della sinistra che non è in grado di combatterlo e men che meno di sconfiggerlo.


La sinistra schifa il popolo e elezioni perché sa di perdere, sa che non ha più argomenti convincenti e che possono rappresentare un vera alternativa alla destra ed ai problemi attuali, quindi si arrocca su posizioni “Aristocratiche”. È un po’ un ossimoro, però la sinistra (ed alcuni moderati di destra) oggi sembra l’aristocrazia francese nel 1789, che si divertiva nel lusso a Versailles mentre il popolo a Parigi assaltava i panifici e occupava la Bastiglia (In senso metaforico, altrimenti sembra che voglio far saltare qualche testa)


Altro conto è usare la parola popolo completamente a caso. Un po’ come fece 14 mesi fa Conte definendosi “Avvocato del popolo” per poi trovarsi pochi mesi dalla sponda diametralmente opposta, e lo stesso possiamo dire per i 5 stelle che erano stati eletti per distruggere tutto e invece si sono alleati col PD.
Questi casi rischiano di deteriorare il rapporto politica-popolo. Mettetevi in un elettore dei 5 stelle, passatemi il termine, incazzato che li vota con la speranza di cambiare completamente il sistema. L’elettore alle elezioni successive cosa fa? Non vota nessuno oppure, peggio ancora, va in piazza a protestare e far disordini.


Chiudendo il cerchio da dove eravamo partiti, suggerisco ad Occhetto di andare a rileggersi bene l’articolo 1 della costituzione “La sovranità appartiene al popolo […]” poi mi sa che Occhetto da buon comunista avra sicuramente cantato la celebre canzone “Avanti popolo alla riscossa”
Non era una brutta bestia il popolo li?

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *