Bufera sui social quando due giocatori della nazionale turca hanno pubblicato foto mentre fanno il saluto militare

di Matteo Ghilardi.

Sui propri profili ufficiali Cengiz Ünder e Demiral, hanno espresso il sostegno all’operazione militare della Turchia in Siria lanciata in questa settimana  da Erdogan.

Demiral si è schierato apertamente a favore dell’invasione di Ankara nella parte settentrionale del territorio siriano, cioè l’area abitata dal popolo curdo, e lo ha fatto pubblicando su Twitter un’immagine e due hashtag che hanno provocato un putiferio.

Demiral ha postato una foto in cui si vede un soldato turco che assiste una bambina. Sotto la foto compare una breve didascalia: “La Turchia ha 911 chilometri di confine con la Siria. Questo è un corridoio di terroristi. Il Pkk e l’Ypg sono stati responsabili della morte di circa 40 mila persone, incluse donne, bambini, neonati. La missione della Turchia è quella di prevenire la creazione di un corridoio del terrore sui nostri confini meridionali e di riportare due milioni di siriani in territori sicuri”.

A sostegno di Erdogan anche il giocatore turco della Roma Cengiz Under. Il giallorosso, cresciuto calcisticamente nel club del Basaksehir, ha twittato la foto di una sua esultanza con il saluto militare. Sopra l’immagine, tre bandiere della Turchia.Il motivo? Il giocatore giallorosso ha condiviso su Twitter una foto di una sua vecchia esultanza in cui mostrava il classico saluto militare a seguito di un gol. Sino a qui nulla di male se non che il post è accompagnato da tre bandierine della Turchia.

Un’immagine che risale addirittura a due anni fa ma che è stata pubblicata solo ora. Per tutti, romanisti e turchi, si tratterebbe di un messaggio di sostegno all’esercito turco che ha invaso il nord della Siriacon l’obiettivo di annientare il popolo curdo. Un’azione militare che ha avuto importanti ripercussioni politiche e che ha aperto una vera e propria crisi mondiale.

Il post condiviso da Under è stato oggetto di fortissime critiche sia da parte di chi si preoccupa del popolo curdo sia da parte dei tifosi della Roma. In particolare, ai tifosi giallorossi non è piaciuto il fatto che il giocatore indossi in quella foto la maglia della squadra. I tifosi  sia della Juventus che della Roma non vogliono, quindi, che all’immagine del club venga associato l’attacco turco.Tifosi che chiedono pure che la società prenda posizione come ha fatto, di recente, la squadra tedesca St. Pauli dissociandosi da un post condiviso dal loro giocatore Cenk Sahin in cui si leggeva un evidente appoggio all’offensiva turca in Siria.

La Roma come la Juventus, al momento, non ha comunque preso alcuna decisione in quanto la sua posizione è oggettivamente molto scomoda visto che il 28 novembre dovrà giocare ad Istanbulcontro il Basaksehir, club molto vicino al presidente turco Erdogan,quindi staremo vedere quale posizione I rispettivi club prenderanno su questo tema che per forza di cose creerà non poche polemiche.

A questo si aggiunge anche la nazionale turca che in data 11 ottobre contro l’Albania al Fenerbahce Ulker stadium, l’intera squadra ha esultato con il saluto militare dopo il gol di Tosun che ha permesso la vittoria turca.

Share This:

Matteo Ghilardi

Mi chiamo Matteo Ghilardi ho 21 anni e sono un grande appassionato della Storia di Roma, politica e diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *