TarTASSA ambientalista: cronostoria della Plastic Tax

di Leandro Castelli

Come le foglie cadono dagli alberi, come i picchetti nelle scuole, questo è anche il periodo della preparazione alla nuova Finanziaria. Escono i primissimi punti della nuova Legge di Bilancio, come l’aumento per il lavoratore sull’auto aziendale oppure la tassa sulla plastica.

Voglio soffermarmi sulla Plastic Tax, però diciamolo in italiano: tassa sulla plastica.
Sicuramente gli ambientalisti saranno contenti di questa nuova tassa, almeno saranno costretti a vivere come predicano, però che impatto avrà sulle imprese e consumatori? La Tassa sulla Plastica colpirà tutti quei prodotti che necessitano, per l’appunto, della plastica, come bottiglie d’acqua, sacchetti o qualsiasi prodotto che usiamo quotidianamente.

Per l’impresa il costo, per esempio, di un sacchetto di plastica ha un impatto minore rispetto ad un sacchetto biodegradabile, che naturalmente deve far riversare sul consumatore, che di conseguenza subisce l’aumento del costo della spesa. Con questa nuova tassa, il costo non aumenterà solo sul sacchettino, ma anche bottigliette, involucri e altro, colpendo soprattutto gli imprenditori e i suoi clienti.

C’è qualcosa da fare per l’ambiente e lo diamo per assodato, ma sono giuste le modalità? Perché, invece di aggiungermi un’altra tassa, non si fa in modo che i biodegradabili costino di meno? Perché non vengono stanziati soldi per far diminuire il costo delle macchine elettriche e non si fa interrompere la produzione di auto a Diesel? Oppure, perché non cambiano gli impianti di riscaldamento delle strutture? Siamo in un periodo dove l’economia, soprattutto quella italiana, non va, è stagnante, aggiunge un’altra, ennesima, tassa, non aiuterà di certo a smuoverla, soprattutto se questa tassa è macchiata da un falso ambientalismo e, aggiungo, senza un vero piano per prepararci a questo cambiamento e le imprese e consumatori non posso aspettare che il mercato regolarizzi e abbassi i prezzi del biodegradabile: vuoi un mondo più verde? Incentiva, non tarTASSAre!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *