Festa senza perdono in università. Azione Universitaria non ci sta!

Festa Senza Perdono, la condanna del rettore e di Azione Universitaria.

Nonostante gli interventi messi in atto dall’Ateneo per garantire la sicurezza delle persone e salvaguardare l’interesse pubblico alla conservazione dell’integrità dei luoghi in cui quotidianamente si svolgono le attività universitarie, la chiusura del portone di accesso alla sede di Via Festa del Perdono n. 7 è stata impedita; nelle ore successive sono stati introdotti illegalmente in Ateneo materiali anche infiammabili, oltre a cibi e bevande alcoliche di vario genere.

La festa si è quindi svolta tra le 22 e le 5 del giorno successivo e a essa hanno partecipato centinaia di ragazzi, molti dei quali minorenni e in gran parte forse inconsapevoli del contesto di illegalità in cui tale evento è maturato: le foto che vedete sono ciò che rimane di quella giornata.

Lo scrive La Statale News in un articolo apparso sul loro sito. Clicca sul link per leggerlo.

Il rave, organizzato da LUME, noto centro sociale milanese, ha provocato diversi malumori. Il Rettore Franzini non ci sta e minaccia gli organizzatori e intanto la procura apre un’inchiesta. Anche Azione Universitaria Milano prende le distanze e condanna fermamente questo genere di feste. Zero sdegno da parte della sinistra universitaria. UDU, Unisì, Studenti Indipendenti e altre liste vicine non hanno trovato nulla di indecoroso e a quanto pare, accettano e condividono la vergogna del 31 ottobre avvenuta in via Festa del Perdono.

Azione Universitaria non ci sta e condanna gli organizzatori del rave abusivo.

“++ FESTA SENZA PERDONO: ORA BASTA! ++” così scrivono i ragazzi di Azione Universitaria Milano su Facebook.

“Anche questo 31 ottobre, come troppo spesso accade, si è ripetuta la “Festa senza perdono”, organizzata dai soliti noti che, con la scusa di rendere l’Università uno spazio di socializzazione e non solo un “esamificio”, hanno occupato abusivamente la struttura di Festa del Perdono portando solo sporcizia e degrado.

Azione Universitaria, come sempre ha fatto, condanna fermamente queste iniziative: è ora di dire “basta” a questi collettivi di studenti che pensano di poter comandare nelle strutture della nostra Università portando alcool, sporcizia e degrado.”

Continuando il comunicato apparso sulla loro bacheca Facebook scrivono:

“È peraltro il caso di ricordare che pochi mesi fa, all’università Sapienza di Roma, un ventiseienne ha perso la vita in una festa organizzata abusivamente, esattamente come la “Festa senza perdono”: purtroppo questa tragedia non ha sortito alcun effetto sulla coscienza degli organizzatori della “festa” in UniMi che, senza considerazione alcuna delle misure di sicurezza, continuano a rivendicare, incoscientemente, questo loro falso diritto.

In conclusione:

“Apprezziamo le parole e lo sforzo del Magnifico Rettore Elio Franzini e ci auguriamo che, con il supporto morale degli studenti che danno realmente valore all’Università anche rispettandone le strutture, si possano finalmente contrastare queste iniziative mettendo la parola “fine” a questo scempio!”

Ecco le foto post festa, sempre riprese dal sito de La Statale News

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *