Libreria antifascista incendiata a Roma. Contrordine! Ricercato un tunisino

Contrordine compagni! È questo il messaggio che circola oggi su tutti i mezzi d’informazione romani. È accaduto un’altra volta!

Dopo l’indignazione di politici e cittadini per l’incendio che ha colpito la libreria La Pecora elettrica che si trova nei pressi di Centocelle, oggi arriva il contrordine. La zona, in cui tanti antifascisti si radunano e si dedicano alla cultura e alla politica contro “il mostro nero” ospita anche tanti nord africani e delle piccole gang che la utilizzano come piazza di spaccio. Infatti, sembrerebbe che ad appiccare il rogo sia stato proprio uno degli appartenenti alla gang nordafricana.

Ricercato nordafricano

Il tunisino di 45 anni ricercato dalle autorità non sembrerebbe insolito nel appiccare incendi perché, appunto, nel giro di pochi giorni sembrerebbe la terza attività commerciale mandata a fuoco.

L’informazione buonista e mainstream è in una situazione di shock profondo!

Vedremo in questi giorni come si evolverà la situazione e come andranno avanti le indagini, intanto i migliaia di indignati restano in silenzio, come resteranno in silenzio i tanti giornali e giornaloni mainstream che non sapranno dare una spiegazione logica e questa bella batosta sui denti.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *