Il modo “diverso” di salvare le banche

di Davide Pietrangelo.

Ricorderemo tutti i tempi in cui i 5 stelle infamavano quelli del PD per i salvataggi delle banche. Ricorderemo anche i tempi in cui sottolineavano che le persone in mare non venivano salvate, mentre le banche sì. Ricorderemo i tempi in cui i 5 stelle, insieme alla Lega, non hanno salvato le persone in mare ma hanno salvato Banca Carige copiando i decreti dal salvataggio di Banca MPS.

Non scorderemo mai questo tempo in cui i 5 stelle salvano la Banca di Bari insieme al PD, dando 900 milioni a un istituto che ne perde 400 l’anno.
“Ma ehi, stavolta sarà diverso eh!”, suona il coro pentastellato.

Faranno una commissione di inchiesta sulle banche, e pare che la affideranno al fondatore dell’Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi bancari, finanziari e assicurativi), l’abruzzese Lannutti. Saggista e politico, prima con Italia dei Valori e poi col Movimento 5 stelle, Elio Lannutti è un cospirazionista di primo pelo.
Ha fatto crociate contro i vaccini, contro Burioni, contro la sostituzione etnica del piano Kalergi, per l’affondamento delle navi ONG ecc.

Ma soprattutto – e qui viene il bello – Lannutti è balzato agli onori della cronaca per un post e un tweet che affermavano che il sistema bancario internazionale sarebbe controllato dal “Gruppo dei Savi di Sion” e dal loro protocollo scritto da Mayer Amschel Rothschild.

Attualmente Lannutti è indagato dalla Procura di Roma per il reato di diffamazione aggravata dall’odio razziale.

A Gennaio Luigi di Maio dichiarava: “Come vicepresidente del Consiglio e come capo politico del M5S prendo le distanze, e con me tutto il Movimento, dalle considerazioni del Senatore Elio Lannutti”.

Zingaretti invece twittava: “Le dichiarazioni del senatore #Lannutti sui Protocolli dei Savi di Sion sono il punto più basso di questo mix di odio, negazionismo e razzismo che riaffiora sempre più spesso. Il leader #M5S #DiMaio prenda le distanze da queste farneticazioni antisemite”.

Ottime premesse!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *