Intervista ad Antonio Proietti Capogruppo della Lega – Salvini Premier in Città Metropolitana di Roma Capitale

CITTÀ METROPOLITANA ALLO SBANDO, VIRGINIA RAGGI LATITANTE.

“La Citta Metropolitana di Roma Capitale é vittima del malgoverno e immobilismo della Giunta capitolina. Il Sindaco Virginia Raggi oltre ad amministrare male la Città di Roma, si ricordi dell’esistenza di altri 121 comuni della Città Metropolitana di Roma Capitale che lei rappresenta essendo Sindaco di Roma” così definisce l’operato dell’amministrazione a 5 stelle il Capogruppo della Lega – Salvini Premier in Città Metropolitana di Roma Capitale Antonio Proietti.

Negli ultimi anni al centro dell’agenda politica c’é stata una forte critica alla Città Metropolitana non erano meglio le ex Province?

Le critiche alla Legge Del Rio sono arrivate da tutte le parti, a partire dallo stesso Partito Democratico. È stata una scelta scellerata che ha allontanato i territori, i Comuni e le Amministrazioni Comunali dall’unico ente con cui si poteva programmare, pianificare ed avere una visione di sviluppo dei territori armonica ed efficace per il bene comune dei cittadini.

Il movimento 5 stelle era vostro alleato di Governo, perché ora quest’opposizione così dura alla Giunta pentastellata capitanata dalla Sindaca Virginia Raggi?

L’opposizione alla Giunta Raggi l’abbiamo sempre fatta grazie al lavoro sempre attento e puntuale del Capogruppo in Campidoglio On. Maurizio Politi ed ora grazie al passaggio nel nostro Partito del Consigliere On. Davide Bordoni. Segno che il progetto Lega aggrega e cresce a dismisura, che ci avvicina a quella fase pre elettorale che darà ai romani il governo che meritano. Naturalmente tutto questo grazie anche al supporto della classe dirigente e dell’On. Claudio Durigon. La presenza costante nella Città di Roma del Segretario On. Matteo Salvini dimostra che la Lega vuole investire su Roma e liberare una Città ostaggio di un’amministrazione incapace.

Come pensate di vincere le prossime elezioni nella Capitale d’Italia e nella Regione Lazio contro Il duo sciagura, come lo definisce Salvini, Raggi-Zingaretti?

Sono due livelli e due storie diverse, si arriva dal Governo Giallo-Verde per necessità in una fase di profonda incertezza, nella Città di Roma siamo stati sempre all’opposizione della Raggi con la convinzione di poter essere l’alternativa del domani, speriamo presto. Vincere contro chi, come Virginia Raggi, non ha amministrato nulla nella nostra Città mettendo in campo un azione politica priva di programmazione sarà più facile del previsto, lo dicono i romani. La Regione Lazio verte in situazioni disastrose, se Zingaretti iniziasse a Governare la Regione Lazio invece di girare l’Italia, perché Segretario del Partito Democratico ci sarebbero meno problemi. Vincere le elezioni nel Lazio ed a Roma significa mettere in campo proposte serie ed un minimo di buonsenso, magari con figure competenti grazie ad un lavoro di condivisione da parte di tutto il Centrodestra.

Lei è molto attento alle esigenze della Provincia di Roma, ricoprendo anche l’incarico da Sindaco a Roiate, quale sono le priorità per i 121 comuni dell’ex Provincia di Roma?

Le priorità delle amministrazioni locali sono chiare e sotto gli occhi di tutti. Gli amministratori comunali ci chiedono maggiori disponibilità economiche e un maggiore supporto, che deve ripartire dal contatto con la base cosa che la politica ha dimenticato di fare. Certamente le maggiori difficoltà per i Comuni sono la sicurezza e gli investimenti, strade dissestate, scuole fatiscenti ed una burocrazia che strozza l’attività amministrativa. Oggi fare il Sindaco diventa una missione, molte volte manca il supporto da parte delle istituzioni e Governare un Comune con il personale comunale con numeri inferiori a quelli che servono realmente è un miracolo.

La situazione dei rifiuti a Roma crea una situazione aberrante e scomoda, quali sono le vostre proposte per risolvere il problema?

La situazione dei rifiuti è un argomento importante, lo scaricabarile tra Raggi e Zingaretti è deprimente. Spesso al centro del dibattito politico c’è una feroce guerra sulla scelta di dove portare i rifiuti, noi dovremmo interrogarci su come: Prevenire, riutilizzare, riciclare e recuperare i rifiuti. La discarica è solo un ultimo passaggio, Il problema non è dove, ma la discarica. Una soluzione che personalmente condivido è quella del termovalorizzatore. Il trattamento dei rifiuti, attraverso la termovalorizzazione, consente di ridurre il quantitativo di rifiuti che diversamente andrebbero a finire in discarica. Nel contempo viene generato calore e quindi successivamente energia elettrica.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *