Olivero Toscani: “A chi interessa che caschi un ponte?”

di Leandro Castelli

Ormai conosciamo Oliviero Toscani, un personaggio senza peli sulla lingua, ogni volta che lo sentì parlare pensi: “Non potrà mai dire di peggio.” Invece ogni volta, il fotografo, ci sorprende e continua a raschiare il fondo nelle cazzate che dice, come quest’ultima al programma Un giorno da pecora, dicendo testuali parole “A chi interessa che caschi un ponte?”
Prima di dire la mia, facciamo un passo in dietro, Oliviero Toscani è stato fotografato con le Sardine e con i Benetton, da una parte, un movimento senza né capo né coda, contro il “messaggio d’odio” (mi raccomando, però solo l’odio di destra eh), mentre dall’altra ci sono i Benetton, i responsabili numeri uno della tragedia Ponte Morandi. Mi vorrei soffermare su quella foto: le Sardine hanno sostenuto il PD in Emilia Romagna e nella foto c’erano Toscani e i Benetton, quindi uno che ti insulta a ruota libera e una famiglia che mangia i soldi sui servizi italiani, ho voluto sottolineare che le Sardine votano e sostengono il PD perché ora, i democratici, sono al governo con il Movimento 5 Stelle, quelli che vogliono togliere le concessioni ai Benetton. Sembra un casino, ma al momento la sinistra è questo, un gran casino.
Torniamo su Oliviero Toscani, un personaggio che non ha mai risparmiato nessuno, insultando e dicendo le peggio cose a politici di destra, come, più volte, nei confronti di Giorgia Meloni. Ma finché si tratta di insultare una persona ancora viva, che, volendo, può rispondere a tono, ci si può passata sopra (tappandovi il naso) ma insultare le famiglie delle 43 vittime del Ponte Morandi è stato vergognoso, un soggetto del genere non dovrebbe più apparire nelle Tv o radio, perché non si gioca con la morte delle persone. Si dice che la destra fomenta l’odio, ma non si permetterebbe MAI di insultare e di infangare la memoria delle vittime di una tragedia e Oliviero Toscani dovrebbe essere soltanto rimandato nel dimenticatoio da dove è sbucato.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *