I David di Donatello 2020 saranno online

di Alessio Valente

Alla sua sessantacinquesima edizione, la cerimonia dei David di Donatello di quest’anno sarà celebrata a porte chiuse a causa dell’emergenza Coronavirus. In programma per lo scorso 3 Aprile, la serata è stata ufficialmente rinviata a domani, 8 maggio, con un’edizione speciale in onda su Rai 1 che si terrà, appunto, da remoto. Ad annunciarlo è stata Piera Detassis, Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia del Cinema Italiano. Senza pubblico, senza red carpet e senza ospiti, la cerimonia, condotta da Carlo Conti, diventerà tutta tecnologica, utilizzando collegamenti via web con i premiati e i nominati.

La campagna #iorestoacasa

Lanciando l’hashtag #ACasaConIlDavid, gli organizzatori del festival si sono adattati già da marzo scorso alle nuove disposizioni per il contenimento, rendendo disponibili online una serie di contenuti che ripercorrono la storia dell’ambito premio. Non solo: è stato lanciato anche l’hashtag #LeVociDelDavid, per cui sarà possibile vedere una serie di interviste esclusive ai candidati delle varie categorie direttamente sul sito dell’Accademia. I contenuti saranno disponibili fino alla serata dell’8 Maggio, il giorno in cui avverrà la premiazione.

I primi vincitori

Intanto, sono stati già resi noti i primi vincitori di alcune categorie. A totalizzare il maggior numero di spettatori, con 2.363.303 presenze, e ad aggiudicarsi il premio “David dello Spettatore” sono Ficarra e Picone con il loro ultimo film “Il primo Natale”. Ad “Inverno” di Giulio Mastromauro va invece il David per il miglior cortometraggio, mentre il David per il miglior film straniero è stato assegnato a Parasite di Bong Joon Ho, già vincitore di Oscar, Palma d’Oro e Golden Globe.

Gli altri candidati


Miglior film:
Il Primo Re di Matteo Rovere
Il Traditore di Marco Bellocchio
La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi
Martin Eden di Pietro Marcello
Pinocchio di Matteo Garrone


Miglior regista:

Matteo Rovere per Il Primo Re
Marco Bellocchio per Il traditore
Claudio Giovannesi per La paranza dei bambini
Pietro Marcello per Martin Eden
Matteo Garrone per Pinocchio
Miglior regista esordiente:
Igort per 5 è il numero perfetto
Phaim Bhuiyam per Bangla
Leonardo D’Agostini per Il campione
Marco d’Amore per L’immortale
Carlo Sironi per Sole


Miglior sceneggiatura originale:

Bangla di Phaim Bhuiyan, Vanessa Picciarelli
Il Primo Re di Filippo Gravino, Francesca Maniero, Matteo Rovere
Il traditore di Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo
La dea fortuna di Gianni Romoli, Silvia Ranfagni, Ferzan Ozpetek
Ricordi? di Valerio Mieli


Miglior sceneggiatura non originale:

Il sindaco del rione Sanità di Mario Martone, Ippolita Di MAjo
La famosa invasione degli orsi in Sicilia di Thomas Bidegain, Jean-Luc Fromental, Lorenzo Mattotti
La paranza dei bambini di Maurizio Braucci, Roberto Saviono, Claudio Giovannesi
Martin Eden di Maurizio Braucci, Pietro Marcello
Pinocchio di Matteo Garrone, Massimo Ceccherini


Miglior attrice protagonista:

Valeria Bruni Tedeschi per I villeggianti
Jasmine Trinca per La dea fortuna
Isabella Ragonese per Mio fratello rincorre i dinosauri
Linda Caridi per Ricordi?
Lunetta Savino per Rosa
Valeria Golino per Tutto il mio folle amore


Miglior attore protagonista:

Toni Servillo per 5 è il numero perfetto
Alessandro Borghi per Il Primo Re
Francesco Di Leva per Il sindaco del rione Sanità
Pierfrancesco Favino per Il traditore
Luca Marinelli per Martin Eden

Miglior attrice non protagonista:

Valeria Golino per 5 è il numero perfetto
Anna Ferzetti per Domani è un altro giorno
Tania Garribba per Il Primo Re
Maria Amato per Il traditore
Alida Baldari di Calabria per Pinocchio

Miglior attore non protagonista:

Carlo Buccirosso per 5 è il numero perfetto
Stefano Accorsi per Il campione
Fabrizio Ferracane per Il traditore
Luigi Lo Cascio per Il traditore
Roberto Benigni Pinocchio

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *